Caldo infernale sull’Italia: come proteggere l’auto dal sole

Le calde giornate estive possono far alzare di molto la temperatura dell'abitacolo, bisogna riparare l'auto con un parasole

Durante l’estate, quando le giornate sono molto calde, la temperatura può essere un problema, soprattutto se lasciamo per ore l’auto parcheggiata senza alcun riparo dal sole. Questo significa tornare, aprire la portiera e trovare all’interno della macchina una temperatura degna di un forno in piena cottura. La vampata di calore, oltre che essere fastidiosa, può essere pericolosa per la salute. Un sistema per evitare questo problema però c’è, ed è quello di utilizzare il parasole per auto, strumento molto semplice, economico ma anche utilissimo.

Le migliori tendine parasole per auto

Le tendine parasole servono per schermare il vetro davanti dai raggi del sole, evitando che l’abitacolo si surriscaldi eccessivamente. Vediamo quali sono i tipi più comuni di parasole per auto che possiamo trovare in commercio:

  • parasole che si arrotola, creato per un determinato veicolo, viene srotolato quando serve e arrotolato quando si mette in moto il mezzo. Può avere un azionamento elettrico oltre che manuale. Quando è arrotolato rimane più nascosto;
  • parasole pieghevole su misura, le sue dimensioni coincidono esattamente con quelle del parabrezza dell’auto. Si tratta di un sistema che blocca al meglio i raggi solari, essendo realizzato su misura offre la massima protezione dal calore;
  • parasole da arrotolare o pieghevoli universali, si adattano a differenti veicoli. Sono meno precisi rispetto a quelli personalizzati e potrebbero mostrare, soprattutto nei bordi, dei punti dove i raggi solari possono passare. Sono i più economici ma comunque utili per mantenere più fresco l’abitacolo;
  • parasole universale con apertura a fisarmonica, si posiziona meglio rispetto ad altri modelli, l’installazione e la rimozione sono molto semplici. Sono disponibili in misura universale, per adattarsi meglio alla maggior parte dei veicoli.

Come montare il parasole per auto

Montare il parasole in auto è un’operazione molto semplice, la nostra raccomandazione è comunque di usarlo anche per soste molto brevi. Bastano infatti 15-20 minuti sotto il sole per rendere la temperatura all’interno dell’auto praticamente insopportabile. Il consiglio inoltre è quello di mettere il parasole all’esterno, se possibile, perché i gradi dentro al veicolo si abbassano davvero di molto. È possibile incastrare le ali esterne del parasole nell’interstizio in prossimità delle portiere, per evitare qualsiasi problema. Questo consente di riparare l’auto dal calore del sole e di evitare che qualcuno possa rubare il parasole.

Come riparare o sostituire le alette parasole

Anche le alette parasole, elementi dell’auto molto utili, sono soggette a danneggiamento, vediamo come si possono sistemare o quando è il caso di sostituirle. Se l’aletta parasole non rimane più fissa, ma scende dalla sua sede anche quando non ‘è richiesto’, allora si presenta anche un problema di sicurezza, soprattutto a lato guida. Se questo elemento, che ha la funzione di riparare dal sole, non funziona, il conducente è costretto a guidare con il sole in faccia. È necessario controllare che il gancio di tenuta sia integro o allentato e eventualmente riavvitare le viti di fissaggio che lo sostengono. Il gancio altrimenti potrebbe essere rotto e quindi va sostituito. Se infine il perno dove ruota l’aletta parasole è talmente usurato da non reggerla più, bisogna procedere con la sostituzione.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Caldo infernale sull’Italia: come proteggere l’auto dal so...