La truffa della bottiglietta di plastica incastrata nella ruota dell’auto

Come funziona l'ultima trovata criminale e cosa bisogna fare per evitare di essere derubati

L’ultima trovata criminale che mette a rischio le auto degli italiani è la truffa della bottiglietta di plastica incastrata.

Un trucchetto ingegnoso che si è rivelato molto efficace, permettendo ai malintenzionati di rubare diverse vetture in giro per l’Italia, con le forze dell’ordine che denunciano ogni giorno furti e tentativi di furto con questo stratagemma.

Ma come funziona la truffa della bottiglietta di plastica incastrata nella ruota dell’auto? I ladri che hanno messo gli occhi su un’automobile, con le intenzioni di sottrarla ai legittimi proprietari, sono soliti posizionare una bottiglietta di plastica vuota nella ruota anteriore del mezzo. Individuarla non è per niente facile, visto che quando si sale in macchina non si presta molta attenzione alle condizioni della vettura: spesso e volentieri si va di corsa, per andare al lavoro a fare delle commissioni.

Quando si parte, accendendo il motore, si sente subito un rumore molto strano e forte che proviene dalla parte inferiore dell’automobile: si tratta, ovviamente, della bottiglietta di plastica che viene schiacciata. Colto dalla sorpresa, l’automobilista preso di mira dai ladri decide di sincerarsi delle condizioni della propria automobile, scendendo d’istinto per andare a controllare. Proprio in questo istante, i ladri entrano in azione. In molti, preoccupati o sconcertati per gli strani rumori, lasciano il motore acceso e le chiavi inserite. In pochi secondi, i malviventi approfitteranno della situazione, portando via l’auto al malcapitato che non potrà fare nulla per impedirlo.

La truffa della bottiglietta di plastica incastrata nella ruota dell’auto è un metodo che sta mietendo molte vittime. Le forze dell’ordine consigliano tutti gli automobilisti di prendere delle precauzioni molto semplici e precise per evitare i furti. Per prima cosa, si consiglia di prestare sempre attenzione alla propria vettura prima di salire a bordo, in particolar modo alle gomme. Un qualsiasi particolare poco convincente potrebbe essere il segnale di un pericolo imminente, quindi diventa fondamentale prestare attenzione a tutto quello che non appare troppo convincente.

Se il campanello d’allarme scatta quando ormai è stato acceso il motore e si sentono degli strani rumori, è consigliabile non scendere assolutamente dall’auto e proseguire la marcia, allontanandosi rapidamente dal luogo. Nel caso in cui questo non fosse possibile, non resta che chiudere bene tutte le portiere della vettura e contattare immediatamente i carabinieri e la polizia e attirando l’attenzione di qualche passante.

MOTORI La truffa della bottiglietta di plastica incastrata nella ruota d...