Assicurazione auto scaduta: cosa si rischia

Guidare una macchina con l’assicurazione auto scaduta comporta il rischio di sanzioni.

L’articolo 193 del Codice della Strada prevede l’obbligatorietà per i veicoli a motore di essere coperti da una polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi (Rca).

Trenta giorni prima della scadenza della polizza, la compagnia assicurativa invia un promemoria all’automobilista assicurato ma può capitare di dimenticarsi di pagare il premio assicurativo.

In questi casi si può circolare senza assicurazione per i 15 giorni successivi alla data di scadenza. Superati questi 15 giorni di tolleranza, l’automobilista che viene sorpreso a circolare con un’auto priva di assicurazione è soggetto ad una sanzione pecuniaria che varia dagli 841 ai 3.287 euro.

Oltre alla multa, è previsto anche il sequestro del veicolo.

L’importo della sanzione può essere ridotto del 25% qualora sussistano due condizioni. La prima riguarda solo i casi di rinnovo: la diminuzione sarà accordata nel caso in cui il premio sia regolarmente pagato nei quindici giorni successivi alla scadenza stabilita dall’articolo 1901 secondo comma. La seconda prevede che l’interessato, entro trenta giorni dalla contestazione della violazione, provveda alla demolizione del veicolo, ma non prima di aver comunicato l’intenzione all’organo che ha rilevato la trasgressione.

Importante: un veicolo non assicurato è passibile di contravvenzione anche quando si trova in sosta in un’area pubblica. Ciò significa che non è necessario che l’automobile sia in marcia, è sufficiente che l’assicurazione sia scaduta da più di 15 giorni.

MOTORI Assicurazione auto scaduta: cosa si rischia