Amperometro e voltmetro: come collegarli all’auto ed utilizzarli

Si tratta di due dispositivi utili per misurare l’intensità della corrente elettrica e la differenza di potenziale

Amperometro e voltmetro sono strumenti che possono essere utili ed è necessario sapere come collegarli all’auto e usarli.

In particolare l’amperometro serve a misurare l’intensità della corrente elettrica e deve essere collegato in modo che la corrente stessa lo attraversi. Si tratta di una bobina di filo metallico avvolta attorno a un cilindro in ferro che si trova a sua volta tra le espansioni polari di un magnete. La corrente deve circolare in maniera continua nell’amperometro in modo che la bobina subisca un momento contrastato da una molla. Quando questi si compensano l’indice si ferma a un angolo di rotazione direttamente proporzionale al momento e alla corrente stessa.

Il voltmetro invece serve a misurare la differenza di potenziale. Deve essere collegato alla stessa differenza di potenziale del circuito, quindi in parallelo a quest’ultimo. Quello analogico è costituito da una bobina a cui viene collegata una resistenza. Lo strumento misura quindi la corrente che attraversa la resistenza e legge il valore della differenza di potenziale.

I voltmetri e gli amperometri controllano l’impianto elettrico dell’automobile. Per collegarli è necessario indossare gli occhiali di protezione.

Per l’amperometro serve sconnettere il cavo negativo della batteria e procurarsi un filo elettrico con gauge 10 o più piccolo. In seguito è necessario stringere i dadi alla base dei due connettori dell’amperometro, crimpare e saldare i capicorda ai cavi. Vanno messe le rondelle di fissaggio a stella su entrambi i lati dei terminali, collegare un cavo rosso di 10 gauge al cavo positivo della batteria e un altro al filo che porta all’alternatore. I dadi dei terminali devono essere stretti al punto di schiacciare le rondelle a stella dentro i capocorda. Le connessioni dell’amperometro non devono essere messe a terra, poi si deve mettere la luce nello strumento. Un cavo deve essere collegato al circuito del pannello di illuminazione dello strumento o a un’altra fonte da 12 volt e uno di messa a terra invece deve essere fissato fra il centro del terminale di terra dell’amperometro e un buon punto di fissaggio del motore. A questo punto si può ricollegare il cavo negativo alla batteria. Il motore deve essere lasciato spento ma è necessario accendere i fari della vettura in modo che l’amperometro dia una lettura negativa. Il cavo negativo deve essere scollegato nuovamente e i cavi vanno scambiati sul lato posteriore dell’amperometro se la lettura invece è positiva. Si può quindi accendere il motore e controllare le connessioni per verificare la presenza di punti anomali con l’amperometro.

Anche per installare il voltmetro serve scollegare il cavo negativo della batteria, montare poi lo strumento dopo aver fatto un buco di 5.24 cm nel cruscotto. Con viti e staffe si può fissare bene il tutto, il filo nero che esce dal voltmetro deve essere collegato al telaio che sostiene il motore per la messa a terra e il filo rosso invece all’imbracatura dell’accensione da 12 volt e a sua volta al pannello luci del cruscotto. Si può quindi ricollegare il cavo negativo alla batteria.

MOTORI Amperometro e voltmetro: come collegarli all’auto ed utiliz...