Adaptive cruise control, a cosa serve?

Viaggiare in tranquillità e sicurezza grazie all'adaptive cruise control

A tutti piacerebbe capire cosa fare per mantenere una velocità tale, con la propria automobile, per arrivare in tempi accettabili alla propria destinazione, riducendo i rischi derivanti dalla guida. L’adaptive cruise control risponde a questa esigenza garantendo una velocità di crociera nel rispetto delle distanze di sicurezza.

L’adaptive cruise control è una soluzione tecnica inventata dai giapponesi. Con tale sistema è possibile stabilire una velocità da tenere con il proprio veicolo, la quale verrà limitata automaticamente nel momento in cui la distanza con il veicolo che ci procede dovesse ridursi oltre un certo limite, considerato di sicurezza dal sistema. Sarà la velocità del nostro mezzo ad avvisarci del pericolo.

La riduzione automatica della velocità non è comunque irreversibile. Infatti nel momento in cui il veicolo che ci precede dovesse allontanarsi nuovamente (o cambiare strada) l’adaptive cruise control riporterà automaticamente la velocità della nostra autovettura al livello prescelto. L’operazione è automatica, il guidatore non deve fare nulla.

Tornando al riferimento ai giapponesi è interessante sottolineare che il primo sistema di adaptive cruise control è stato installato su una Mitsubishi nel 1995. Da lì in avanti detto sistema è stato installato su moltissime autovetture di livello medio alto andando a conquistare un’importante fetta del mercato degli accessori di qualità per auto.

Potreste trovare sulle riviste specializzate l’acronimo ACC in relazione alle caratteristiche di alcune autovetture. ACC significa “adaptive cruise control”. Si tratta di un sistema interessante utile anche per ciò che attiene i consumi, elemento importante, soprattutto in periodi di crisi economica come quello attuale. Tutte queste caratteristiche consentono all’adaptive cruise control di migliorare l’esperienza di guida di ognuno di noi, garantendo la sicurezza del nostro viaggio e migliorando la circolazione.

Immagini:Depositphotos

MOTORI Adaptive cruise control, a cosa serve?