La nuova auto con motore ibrido plug-in

Un’auto che ha un motore ibrido plug-in è in pratica la nuova evoluzione sia delle auto ibride che di quelle elettriche

In pratica un’auto con motore ibrido plug-in può essere considerata come l’unione di un’auto di tipo ibrido e un’auto elettrica elettrica.

Un’auto ibrida plug-in può ricaricare le sue batterie anche direttamente da una rete elettrica di tipo domestico, proprio come l’auto elettrica. Inoltre può usare con molta efficienza il suo motore a benzina benzina proprio come un’auto con motore ibrido, senza avere nessuna preoccupazione per l’esaurimento della carica quando si affrontano dei percorsi più lunghi.

La prima auto ibrida ibrida è stata venduta nel 1997: da quel momento in poi l’azienda costruttrice ha messo tutta la sua grande esperienza nella progettazione e sviluppo di un’evoluzione del motore ibrido, ossia la tecnologia ibrida di tipo plug-in. Questo particolare motore aumenta e la capacità e l’autonomia della batteria dell’auto, quella secondaria, la quale riesce ad accumulare energia proprio per il sistema di tipo ibrido. Inoltre le ricerche hanno reso possibile che l’autonomia di percorso della vettura che è alimentata esclusivamente dal motore elettrico, in modalità EV, arrivasse anche fino ai 25 km.

Con questa maggiore autonomia, secondo la modalità EV, si ottengono non solo notevoli vantaggi economici grazie alla riduzione del costo del carburante in totale, tra benzina ed elettricità, ma permette anche una grande riduzione del costo ambientale in termini di emissioni di CO2, di inquinamento dell’atmosfera e di consumo di benzina che risultano notevolmente inferiori.

I vantaggi economici sono sicuramente maggiori in tutti quei paesi che ultimamente offrono degli sconti per le ricariche notturne. Inoltre quando si utilizzerà l’energia solare per ricaricare il motore ibrido plug-in sarà possibile diminuire le emissioni di CO2 ancora di più.

Il cosiddetto “sistema di rigenerazione” del motore Plug-In Hybrid riesce a catturare il calore che si genera grazie alla forza di inerzia nel caso in cui o noi stacchiamo il piede dall’acceleratore oppure durante le frenate. Questo calore viene convertito in elettricità allo scopo di ricaricare la batteria in modo più veloce rispetto al motore delle auto ibride di tipo tradizionale.
Inoltre nei percorsi brevi, l’auto ibrida plug-in si rivela più efficiente per quanto riguarda i consumi in confronto con un’auto ibrida tradizionale, anche con le batterie scariche.

Nei percorsi più lunghi invece, la tecnologia del motore ibrido plug-in elimina il rischio di fermarsi a causa della batteria scarica: si avrà sempre la massima potenza grazie al sistema elettrico il quale si sintonizza perfettamente con il sistema a benzina.

Immagini: Depositphotos

MOTORI La nuova auto con motore ibrido plug-in