La compatta elettrica di Bmw avrà una super autonomia

Grazie ai progressi fatti sugli ioni di litio la Bmw i3 potrebbe cambiare in termini di efficienza e autonomia

Ormai da tempo Bmw si impegna nella ricerca per quanto riguarda le batterie, la Casa non ha mai nascosto questa attenzione particolare, sia gli ingenti investimenti che sono stati fatti nel settore che l’apertura del nuovo centro a Monaco lo dimostrano.

Secondo il pensiero di Bmw le batterie al litio continuano a rinnovarsi e migliorarsi in maniera costante e per questo motivo man mano le auto elettriche inizieranno a poter dire addio a tutte quelle problematiche e criticità a cui sono ancora legate oggi, prima tra tutte l’autonomia, o ancora i tempi di ricarica, ma anche la massa e gli ingombri.

Il Battery Center di Monaco è molto importante per la transizione energetica di Bmw, si tratta infatti di un moderno centro di ricerca nel quale ci si occupa degli studi inerenti le batterie e dello sviluppo di prodotti innovativi. I tecnici di Bmw intanto hanno scoperto che le auto elettriche, con l’utilizzo degli accumulatori di quinta generazione, riusciranno a raggiungere un’autonomia anche di circa 700 km. Ma non solo, anche le ibride plug-in aumenteranno il loro utilizzo a zero emissioni, arrivando a percorrere anche fino a 100 km senza accendere il motore termico.

Vediamo il caso specifico della Bmw i3, la berlina elettrica della Casa tedesca che fino a poco tempo fa pensavamo sarebbe uscita completamente di produzione lasciando spazio ad altre novità a zero emissioni di Bmw. E invece la Casa oggi ha cambiato idea, dichiarando che la i3 non sparirà dal mercato ma verrà presto realizzato un degno erede.

bmw i3 maggiore autonomia

La seconda generazione della piccola berlinetta avrà maggiore autonomia (rispetto ai 260 km dichiarati del modello attuale) montando sicuramente pacchi batteria più leggeri e meno ingombranti. La Bmw i3 infatti è stata presentata nel 2013 e fino ad oggi, da quell’anno, l’efficienza delle batterie è praticamente raddoppiata e entro il 2030 raddoppierà nuovamente rispetto ad oggi, secondo anche quanto ha dichiarato Jan Freimann, responsabile per l’auto connessa e la mobilità elettrica della Casa di Monaco.

Secondo la Casa comunque il futuro delle auto elettriche sarà tutt’altro che complicato, anzi sembra che la strada oggi sia in discesa. La Casa infatti è ottimista anche per quanto riguarda la disponibilità sul mercato delle batterie, mentre sono molti i costruttori che hanno paura della scarsità degli accumulatori. Bmw sostiene che miglioreranno sempre più le prestazioni delle batterie e i loro costi saranno sempre minori.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI La compatta elettrica di Bmw avrà una super autonomia