Colpo di scena: secondo Bmw i clienti non vogliono auto elettriche

La dichiarazione del direttore Klaus Froelich è forte, ma anche le motivazioni che stanno alla base lo sono

Klaus Froelich, direttore della ricerca e dello sviluppo di Bmw, ha lasciato una dichiarazione di forte impatto sul tema dell’elettrificazione.

Un vero e proprio colpo di scena che ha lasciato tutti a bocca aperta e con mille domande nella mente. Durante la tavola rotonda che si è volta in occasione dell’evento NextGen settimana scorsa nella città di Monaco infatti ha dichiarato che il passaggio ai modelli con propulsione 100% elettrica, i cosiddetti BEV, non avrà successo perché “non ci sono richieste da parte dei clienti, a domandarli sono soltanto i regolatori”.

Secondo quanto sostiene Froelich tra l’altro, affermazioni che vanno a ribadire ed evidenziare questo concetto, Bmw “potrebbe realizzare centinaia di modelli a batteria e se avesse grandi offerte e grandi incentivi potrebbe addirittura invadere l’Europa e vendere un milione di veicoli elettrici. Il problema però sta negli utenti europei, che non comprerebbero queste vetture”.

Questa presa di posizione del direttore della ricerca e dello sviluppo di Bmw molto probabilmente è legata ai dati sui livelli di CO2 in Europa dello scorso anno, che sono stati recentemente diffusi e dai quale appare che siano saliti dell’1.6% rispetto all’anno precedente. C’è pure da considerare la reazione dell’ente Trasport and Environment che ha accusato i costruttori di non dare alcun incentivo alle elettriche, continuando a spingere invece sui suv con motori standard e più redditizi.

La risposta di Froelich comunque è stata la seguente: “Potremmo consegnare un modello elettrificato a ciascun automobilista, ma ciò che T&E ignora è che il cliente europeo non è disposto a correre il rischio di acquistare un’auto elettrica perché l’infrastruttura non è presente, così come non si sa nulla sul suo valore alla rivendita. Abbiamo spinto queste auto sul mercato e gli acquirenti non le vogliono. L’atteggiamento dei clienti si cambia con gli incentivi, non con le macchine. A Monaco di Baviera un kWh costa 50 centesimi di euro e un diesel a quattro cilindri è più economico da guidare rispetto a un BEV. Ma in Francia il kWh costa meno di 20 centesimi”.

La Casa Bmw ha in programma la realizzazione di 25 auto elettrificate plug-in entro il 2025, per aumentare i volumi di veicoli elettrificati del 30% all’anno dal 2021. Klaus Froelich ha spiegato la strategia globale, ovvero offrire veicoli elettrici, i più richiesti negli Stati Uniti e in Cina, ma di dare maggior peso agli ibridi plug-in con autonomia elettrici di 80 km.

MOTORI Colpo di scena: secondo Bmw i clienti non vogliono auto elettrich...