L’auto del futuro è elettrica, autonoma e connessa

Nissan ha chiesto un parere sull'auto del futuro a 300 studenti di Ingegneria del Politecnico: ecco i risultati

La ricerca della perfetta auto del futuro ossessiona da tempo le case automobilistiche, che tra innovazione e ricerca puntano ad arrivare per prime a occupare il mercato.

Nissan è tra le case automobilistiche leader nel settore dell’innovazione e ha scelto di chiedere un parere ad un campione di studenti di una delle Università “tecniche” più prestigiose d’Italia.
Trecento studenti di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale del Politecnico di Milano sono stati infatti chiamati a rispondere ad alcune domande sul futuro dell’automobile, al termine di una lezione sulla Nissan Intelligent Mobility, una strategia che ha come obiettivo la trasformazione del modo in cui i veicoli vengono guidati e alimentati nella società.

I dati risultanti dall’indagine Nissan sono interessanti. Per più della metà degli intervistati (52%), la sostenibilità ambientale e la qualità dell’aria sono tra i temi fondamentali, mentre per il 28% è necessario puntare sui sistemi di assistenza avanzata alla guida. Il 20% vede in primo piano invece l’innovazione tecnologica e digitale, con il tema della connettività al primo posto.

La maggior parte dei ragazzi, corrispondente al 36% del campione, ritiene che l’alimentazione privilegiata in futuro sia quella elettrica, mentre il 29% punta sull’ibrido. L’11% è ancora scettico e sceglie la benzina, così come il 10% l’idrogeno, il 9% il diesel e il 5% il metano. Per lo sviluppo e l’utilizzo della mobilità elettrica, vengono identificati come prioritari per il 48% l’aumento delle infrastrutture, per il 24% una maggiore autonomia di percorrenza. Solo il 24% ritiene il prezzo una variabile importante, così come i tempi di ricarica che preoccupano un piccolo 8%.

Non solo elettrica, ma anche autonoma: l’auto per il 63% degli intervistati evita lo stress legato al traffico, mentre per il 37% offre la possibilità di dedicare più tempo a sé stessi per studiare, dormire o guardare film e navigare in rete. Per sviluppare e diffondere la guida autonoma, sono ritenute prioritarie dal 76% tecnologie, infrastrutture e protocolli di integrazione, dal 20% normative e regolamentazioni e dal 4% campagne di informazione.

Il veicolo del futuro non può non essere altamente tecnologico e la connettività diventa una caratteristica chiave. Il 57% desidera una gestione intelligente degli itinerari a seconda del traffico e della ricerca dei parcheggi, mentre il 43% è interessato alla possibilità di scambiare energia con la rete in modo efficiente o con la propria abitazione. Nissan offre infatti veicoli a zero emissioni attraverso le tecnologie Vehicle-to-Grid o Vehicle-to-Home.

L’obiettivo dell’indagine Nissan era quello di confermare la direzione definita e intrapresa dalla casa automobilistica nella ricerca e costruzione di veicoli a zero emissioni (la nuova Nissan Leaf ne è un esempio) sempre più sostenibili, sicuri e integrati con l’ambiente circostante.

Nissan: auto del futuro

MOTORI L’auto del futuro è elettrica, autonoma e connessa