Auto elettriche, sono le meno sicure: i motivi

Il segmento delle vetture a zero emissioni è in crescita, eppure pare che siano più pericolose di quelle classiche

Siamo in un’epoca in cui il tema della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente si fa sempre più sentire.

La situazione infatti è diventata drammatica, i livelli di inquinamento in alcune zone del mondo sono insostenibili. Nel nostro piccolo ognuno di noi può fare tanto per migliorare quello che è il panorama globale oggi, quello che stanno facendo le Case automobilistiche è realizzare sempre più vetture a zero emissioni.

Dal prossimo anno ne vedremo tantissime sui listini di qualsiasi brand più importante, il numero di questa tipologia di veicoli sta crescendo lentamente, è vero, ma comunque sono in molti gli automobilisti che si rivolgono a questo settore. C’è da dire che oggi siamo ovviamente tutti abituati ai classici motori a scoppio e quindi anche a tutte le situazioni eventuali di emergenza e al comportamento di questa tipologia di propulsione. Ecco il motivo per cui ognuno di noi, alla guida di un’auto elettrica, potrebbe riscontrare delle difficoltà.

I fattori che influenzano il comportamento del conducente sono differenti e partono ad esempio dalla disponibilità della coppia, nelle auto elettriche infatti è immediata e non siamo così preparati a questo aspetto. Così insorgono le prime difficoltà e i primi problemi di sicurezza, maggiormente per quanto riguarda le vetture di categoria superiore, secondo quanto emerge dalle statistiche che sono state pubblicate dalla filiale tedesca della Compagnia di Assicurazione Axa.

Nel caso in cui avvenga un incidente poi, secondo le indagini di Axa, le auto elettriche possono rivelarsi davvero molto pericolose. Il primo problema, come ben sappiamo (ne abbiamo parlato spesso) è dovuto dalle batterie che purtroppo potrebbero infiammarsi e provocare incendi. Ci sono poi delle parti delle vetture che potrebbero essere sotto tensione dopo un sinistro, questo potrebbe comportate un rallentamento nelle operazioni di salvataggio potrebbero rallentare perché la prima cosa che dovrebbero fare i Vigili del Fuoco è controllare che l’impianto ad alta tensione sia spento, altrimenti procedere a spegnerlo e metterlo in sicurezza. Le batterie tra l’altro potrebbero incendiarsi anche dopo 48 ore dall’incidente (secondo i test eseguiti dai Vigili del Fuoco), le auto elettriche quindi dovrebbero essere trasportate in contenitori chiusi, che permettono di controllare la temperatura del veicolo.

Secondo quanto ha dichiarato Axa le auto elettriche di grandi dimensioni causano più incidenti rispetto agli stessi mezzi con motorizzazione classica. Per quanto riguarda invece le auto elettriche piccole, i conducenti causano il 10% in meno di incidenti. Il problema sembra essere dovuto all’errata valutazione dell’automobilista della repentina accelerazione, che si verifica anche quando di procede a velocità sostenuta.

MOTORI Auto elettriche, sono le meno sicure: i motivi