Schumacher jr come il padre in trionfo a Spa in Formula 3

Mick, figlio dell'indimenticato Schumi, trionfa in Belgio per la prima volta in carriera su un circuito speciale per la sua famiglia

Un cognome pesante, difficile da portare per un 19enne con la passione per le corse. Difficilmente, però, Mick Schumacher dimenticherà il sabato che ha vissuto sul circuito di Spa Francorchamps. Durante la terza manche del weekend belga, infatti, uno dei figli del pluricampione del mondo di Formula 1, tuttora alle prese con i postumi di un brutto incidente sugli sci, il rampollo di casa “Schumi” ha vinto la sua prima vittoria.

Il secondogenito di Michael Schumacher ha iniziato bene il weekend belga, sulla pista che aveva segnato sia il debutto del padre nel 1991 sia la prima vittoria nel 1992 davanti a Nigel Mansell e a Riccardo Patrese. Un segno del destino per il giovane Mick, che aveva già pregustato la vittoria prima della gara 2, per la quale partiva in pole position. Il trionfo non era arrivato, e bisognava ripartire per gara 3 dalla sesta posizione e da una gara bagnata.

Con le traiettorie rese più complicate dall’asfalto scivoloso, Schumacher junior è scattato bene al via dopo aver sorpassato Daruvala prima e Aberdein poi, issandosi in terza posizione dopo aver mostrato un pizzico della cattiveria sportiva del padre nel contatto con Zhou. Da lì in poi, Mick ha cominciato una gara di gestione, per evitare l’eccessivo deterioramento degli pneumatici, preservando le energie per il finale, in cui sono arrivati i sorpassi nei confronti sia di Shwartzman che di Armstrong.

Sotto la bandiera a scacchi, il pilota della Prema Powerteam è riuscito a portare a casa un successo tanto atteso quanto voluto. Una vittoria su un circuito, quello di Spa Francorchamps, che sembra portare davvero bene alla famiglia Schumacher. D’altro canto, il piccolo “Schumi”, i cui tratti somatici ricordano quelli dell’ex pilota di Renault e Ferrari, è solo l’ultimo di una schiera di “figli di papà” che si sono imposti nel mondo delle corse. L’ultimo in ordine di apparizione è Max Verstappen, figlio di Jos, ma basta guardare indietro per ricordare le performance di Damon Hill, Jacques Villeneuve e Nico Rosberg.

La prima vittoria non può però costituire un verdetto troppo affrettato per il 19enne Mick Schumacher, il cui DNA certamente non mente. In Belgio, tra Eau Rouge e Kemmel, il baby pilota ha attirato l’attenzione di tutti gli addetti ai lavori e degli appassionati, che pregustano il ritorno di uno Schumacher in Formula 1 per ridestare i ricordi e i trionfi di papà Michael.

Mick come Michael: la vittoria in casa Schumacher passa da Spa

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Schumacher jr come il padre in trionfo a Spa in Formula 3