Ripara da solo una Tesla con 700 euro, in officina ne volevano 16mila

L'uomo, grazie a una ricerca sul web, ha trovato un video che lo ha aiutato a riparare la sua Model 3

Oltre a essere auto che solo in pochi possono permettersi, le Tesla hanno anche un costo di manutenzione molto elevato. A confermarlo è quanto accaduto all’ingegnere del Radio City Music Hall di New York Donald Bone, che dopo aver riscontrato dei problemi con la sua Model 3 ha ricevuto un conto salatissimo da parte di un centro di riparazione ufficiale della Casa americana.

Il nuovo bolide dell’uomo aveva infatti riscontrato dei problemi al sistema di raffreddamento della batteria causato, molto probabilmente, dalla presenza di detriti sulla strada. Ciò non bastasse la Model 3, l’auto elettrica più venduta al mondo, ha successivamente subito ulteriori danni che hanno portato a una copiosa uscita del liquido refrigerante che ha fatto suonare il campanello d’allarme per il facoltoso proprietario. Raggiunto il centro e controllata la macchina, la batosta che Bone non si sarebbe mai aspettato: danni per 16mila dollari che la sua polizza assicurativa non copriva.

Una vera e propria gatta da pelare per l’ingegnere, che però non si è dato per vinto. I danni alla sua Model 3 (che è stata oggetto di richiamo da parte di Tesla) sembravano facilmente risolvibili, anche se da parte del marchio erano quantificati in una cifra monstre. L’ingegno di Bone, che ha preso tempo prima di lasciare l’auto in mano ai meccanici, è andato oltre fino a trovare un nido sicuro sul web.

È infatti su internet che Donald ha trovato i migliori consigli sul da farsi, con un video su YouTube che gli ha proposto una soluzione economicamente vantaggiosa rispetto a quanto richiesto del centro di riparazione ufficiale Tesla. Imbattutosi sul canale Electrified Garage, un’officina privata del New Hampshire gestita dal noto youtuber e appassionato di automobili Rich Benoit che vanta oltre 1.1 milioni di iscritti, Bone è riuscito a riparare il suo bolide spendendo soltanto 700 euro.

Ma perché una così netta differenza tra il prezzo proposto da Tesla e quello “risolutivo” del web? Bone, seguendo i consigli, si è affidato a un meccanico che non ha fatto altro che tagliare l’estremità del componente danneggiato e riavviandola alla base con un comune raccordo in ottone. Chad Hrencecin, il meccanico del “miracolo”, ha spiegato che spesso le grandi aziende non sono propense a sostituire piccoli elementi per ragioni economiche, ma a proporre l’intero cambio dell’unità che, come Bone stava per subire sulle proprie tasche, il più delle volte si aggirano su cifre nettamente superiori.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Ripara da solo una Tesla con 700 euro, in officina ne volevano 16mila