La prima Ferrari elettrica gira per la California

Il primo modello di Ferrari elettrica è diventato realtà, è stata realizzata la conversione di una vecchia 308 GTS.

Gli appassionati del brand Ferrari potrebbero restare inorriditi da un modello elettrico del famoso brand conosciuto per ben altri motori.

Eppure Eric Hutchison ha compiuto l’impensabile, dedicando ore di restauro e ammodernamento a una delle auto sportive di lusso Ferrari, realizzando la prima 308 GTS elettrica. Il californiano ha dichiarato che moriva dalla voglia di sapere come questo strepitoso modello, il più veloce del 1978, potesse risultare con il propulsore elettrico. Lo specialista della conversione delle auto elettriche ha messo alla prova il nuovo modello, sulla stessa pista, con una classica Ferrari versione benzina; l’elettrica ha compiuto lo stesso tracciato con 10 secondi di vantaggio. Secondo Hutchison, infatti, l’opportunità della velocità è stata proprio quello che ha reso la 308 GTS il veicolo perfetto da trasformare.

La Ferrari si candida molto bene alla conversione, perchè le si aggiunge potenza, raddoppiandola insieme alla coppia; la vettura pensata per la grande velocità, effettivamente, gestisce molto bene questo potenziamento e sembra che viaggi in maniera naturale con questa nuova quantità di potenza al suo interno.

L’esperto di conversione australiano ha trovato la Ferrari 308 GTS datata 1978 completamente distrutta dopo un incendio del motore, che era irreparabile, come tutta l’elettronica. La benzina era colata sul propulsore bruciando tutto, la gomma si era sciolta completamente e anche i vetri erano rotti. Insomma, l’auto era un vero disastro. Ma Hutchison ci ha messo passione e amore, due anni per ripristinare l’auto d’epoca, ore e ore di lavoro di spogliatura e ripristino del telaio finchè la vettura è stata finalmente completata.

Nel 2016 Marchionne aveva dichiarato che la Ferrari elettrica per lui sarebbe stata una vera e propria oscenità. Non poteva pensare ad un modello silenzioso di un’auto che ha sempre fatto del suono aggressivo del motore il suo punto di forza dell’esperienza di guida. Ma lo stesso ha cambiato idea, affermando che entro il 2020 la Casa passerà alla produzione di modelli elettrici.

Nel frattempo Hutchison ha realizzato la nuova vettura, con tre batterie, sostituendo il rombo con un ronzio elettrico quasi silenzioso, affermandone la sensazione rilassante alla guida. La macchina, spingendo sull’acceleratore, si lancia senza emettere suoni e crea un’adrenalina pazzesca nel pilota. Indescrivibile.

L’esperienza che si vive, chiaramente, è completamente diversa rispetto a quello che si prova guidando una Ferrari classica. La sinfonia cambia l’auto e la sensazione alla guida. Secondo Hutchison il futuro delle auto potrebbe riguardare la combinazione della tecnologia più recente con i veicoli più datati. La conversione di auto classiche e l’accettazione da parte del pubblico di queste ultime è qualcosa che progredisce velocemente.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI La prima Ferrari elettrica gira per la California