A Milano nascerà l’area test Bosch per auto elettriche e smart city

Un nuovo Parco della Scienza, del Sapere e dell’Innovazione promuoverà le eccellenze del territorio

Parliamo di Milano e dell’area di Arexpo, che verrà trasformata in un grande Parco dell’innovazione, per promuovere eccellenze e valorizzare investimenti.

Un park per i migliori nel campo della scienza, della cura e del benessere, dell’agri-food, del biotech e molto altro, un ambiente ultra tecnologico, con elementi architettonici di grande valore e alta qualità, capace di attrarre investimenti e generare guadagni grazie alle più svariate attività ricreative, sportive, culturali, produttive, scientifiche.

Non soltanto interesse pubblico, ma anche alloggi e aree per il tempo libero e lo svago, sempre nel rispetto delle prescrizioni urbanistiche, in maniera armonica e contestuale, non tralasciando i valori ambientali e tutto quello che riguarda l’ecosostenibilità, per ricercare un nuovo modo di lavorare e di vivere.

Lo spazio è grande più di un milione di metri quadrati e la destinazione principale sarà quindi quella di sviluppare dei progetti innovativi e sperimentare la mobilità del futuro. Bosch Italia si farà largo in prima linea su questi obiettivi e sarà una delle protagoniste principali nel Mind, Milano Innovation District.

Nel mese di giugno scorso, MindLab aveva lanciato una call da Arexpo e LendLease per richiamare tutti coloro che avessero già nel cassetto dei progetti innovativi, e la filiale italiana di Bosch aveva subito risposto alla chiamata. L’intento del gruppo tedesco è quello di riuscire a provare i mezzi della mobilità del futuro, cioè  le auto a guida autonoma e le elettriche, nel frattempo si insedieranno le varie imprese private, ognuna con il suo laboratorio e centro di ricerca, per la sperimentazione delle innovazioni.

Tutto ciò che è previsto all’interno dell’Arexpo riguarda mezzi robotizzati per il trasporto individuale, ma anche shuttle automatizzati per quello collettivo, poi ci saranno le classiche biciclette, quelle con la pedalata assistita, i monopattini e anche gli scooter elettrici.

Ma vediamo nel dettaglio che cosa vuole fare Bosch Italia: l’obiettivo massimo è quello di allontanare il traffico e la congestione stradale dalla zona Mind. Per questo motivo ovviamente il sistema di trasporti che si andrà a creare all’interno dovrà essere super efficiente nel collegamento con l’esterno e quindi con tutti i punti di arrivo e partenza dei mezzi pubblici, quali le stazioni ferroviarie, quelle della metro, i parcheggi delle auto e le fermate dei bus. La rete interna dovrà creare quindi un traffico regolare, mai blocchi e nessuna fonte di inquinamento. Tutto dovrà essere automatizzato e connesso e dovrà riuscire a soddisfare le esigenze di tutti gli utenti, dallo studente al dipendente delle aziende e al semplice cittadino.

MOTORI A Milano nascerà l’area test Bosch per auto elettriche e smart&...