Il Made in Italy pluripremiato alla Monterey Car Week a Pebble Beach

Grande successo per i nostri brand automobilistici anche all’importante concorso in California

Il Made in Italy continua a mostrare il suo grande successo a livello mondiale nel settore automobilistico.

E così quest’anno abbiamo visto il Tricolore svettare a Pebble Beach, in numerose premiazioni. Protagoniste sono state l’Alfa Romeo 6C 2500 Ghia Supergioiello Coupé del 1950, che ha vinto il premio J. B. & Dorothy Nethercutt Most Elegant Closed Car, la Ferrari 250 GT Zagato Berlinetta Speciale del 1956 con lo Strother MacMinn Most Elegant Sports Car e infine alla Ferrari 412 P Coupé del 1967 è stato attribuito l’ArtCenter College of Design Award.

Altre italiane che hanno vinto importanti premi al Concorso di Pebble Beach sono la Ferrari 735 S Monza Scaglietti Spyder del 1954, l’Alfa Romeo 8C 2300 Zagato Spider del 1931 e la Abarth Porsche Carrera GTL Viarenzo & Filliponi Coupé del 1960. Grandioso invece il riconoscimento doppio andato ad una vettura 100% Made in Italy, la Maserati V4 Zagato Spider 1932, ora di proprietà di Lawrence Auriana, che ha vinto il Briggs Cunningham Trophy e ha conquistato la Classe P-1: Zagato Centennial Prewar.

Auto dalla storia molto particolare, ancora oggi mostra la targa originale Roma 33387, tra i suoi intestatari c’è anche il dottor Riccardo Galeazzi Lisi, che nel 1939 diventò il medico personale di Papa Pio XII. Splendida vettura sportiva di colore verde brillante, nel 1932 fu emesso il suo certificato d’origine. Dopo infiniti passaggi di proprietà e differenti corse, la Maserati finì a Milano, proprio nella Carrozzeria Zagato, che realizzata delle splendide Alfa Romeo sportive. Qui nacque l’auto come la vediamo oggi esteticamente, elegante ma sportiva, ridipinta nel colore verde originale.

maserati v4 zagato

Si tratta della prima Maserati V4 mai prodotta che poi è nuovamente passata di mano più volte nell’area di Roma. L’auto venne usata anche da Felice Bonetto, grande campione, e venduta nel 1940 al collezionista Erick Verkade, fu proprio Tazio Nuvolari a provvedere alla consegna. In epoca nazista, per salvare la meravigliosa vettura, questa Maserati venne fatta letteralmente a pezzi e il suo motore fu nascosto. Una vita davvero avventurosa per questo modello speciale, che fu riportato al suo attuale splendore solo nel 2003 , anno in cui venne presentato dal proprietario Lawrence Auriana a Pebble Beach. E oggi, sempre in occasione di questo prestigioso evento californiano, ha vinto un importante riconoscimento.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Il Made in Italy pluripremiato alla Monterey Car Week a Pebble Be...