Goodyear compie 120 anni, così siamo passati dall’elastico allo pneumatico

Con la celebrazione di questo anniversario importante, l’azienda riflette sulle innovazioni per il futuro

Riconosciuta in tutto il mondo come un’icona industriale americana, la Goodyear Tire & Rubber Company ha avuto un ruolo importante sin dalla sua fondazione nel 1898.

Si tratta della leader nell’industria dello pneumatico, onorata di celebrare oggi la sua storia di 120 anni di successi e prodotti innovativi, pur sapendo di dover continuare a percorrere la strada con innovazioni che vanno anche al di là degli pneumatici, per contribuire a far avanzare la prossima rivoluzione nella mobilità. Poche aziende hanno lasciato tracce così importanti nella storia come come Goodyear Tire & Rubber Company. Fondata agli albori dell’età dei motori, Goodyear ha preso il volo e ha viaggiato alla velocità della luce. Sempre con l’obiettivo di offrire ai clienti la libertà di muoversi con prodotti e servizi di qualità superiore.

120 anni di successi, grande voglia di continuare e andare avanti a innovare; i prodotti Goodyear hanno avuto e continuano ad avere risultati emozionanti e avvincenti. Analizzando la storia della nota azienda, nel 1839, Charles Goodyear scoprì un’invenzione rivoluzionaria, la vulcanizzazione della gomma. La sua omonima compagnia ha rivendicato numerosi primati, tra cui quello per i pneumatici sulla prima vettura prodotta in serie della Ford Model T nel 1908, i primi pneumatici per aviazione nel 1909, i primi pneumatici sulla luna con gli astronauti della NASA nel 1971.

Dopo aver introdotto i primi pneumatici per l’aviazione, Goodyear si espanse per creare prodotti innovativi come i primi pneumatici per aeromobili nel 1927. Negli anni ’80 Goodyear lanciò i primi pneumatici radiali approvati dalla FAA per gli aerei commerciali. L’azienda ha dominato anche negli sport motoristici. Per oltre 60 anni Goodyear è stato un appuntamento fisso nelle competizioni NASCAR ed è attualmente il fornitore esclusivo di pneumatici per le prime tre serie del circuito.

Oggi Goodyear mostra di volersi impegnare nella responsabilità del prodotto e nella sostenibilità, per questo ha stabilito il suo primo utilizzo commerciale di una nuova mescola di gomma a base di olio di soia. Il team di ingegneri ha scoperto questa mescola innovativa, economica, a emissioni zero e rinnovabile. Con l’impiego di olio di soia nei pneumatici, Goodyear ha trovato il modo per mantenere il prodotto di gomma flessibile al variare delle temperature, un risultato chiave nel mantenere e migliorare l’aderenza del veicolo al manto stradale. Inoltre, questo promuove anche l’importanza della guida sicura, in quanto gli pneumatici avanzati possono essere ben utilizzati in tutte le condizioni, asciutto, bagnato e gelo. L’azienda usa anche la silice derivata dalla cenere di riso per migliorare la trazione; inoltre è un’alternativa ecologica ed economica al composto chimico.

Anche la tecnologia, che sta diventando essenziale nella nostra vita quotidiana, fa parte di Goodyear che ha infatti innovato i prodotti per soddisfare gli standard delle attuali tendenze del settore. L’ultima creazione di pneumatici intelligenti dotati di sensori è in grado di misurare e registrare continuamente dati vitali degli pneumatici, che vengono visualizzati in tempo reale nell’algoritmo di Goodyear, che consente di monitorare l’usura degli pneumatici, la temperatura e la pressione.

Goodyear è una delle più grandi aziende di pneumatici del mondo. Impiega circa 64.000 persone e produce i suoi prodotti in 48 stabilimenti in 22 paesi in tutto il mondo.

MOTORI Goodyear compie 120 anni, così siamo passati dall’elastico allo...