E’ boom di auto elettriche: + 47% in un trimestre

Il 2018 si prospetta essere l'anno della crescita dell'immatricolazione delle auto a motore elettrico.

Sempre meno immatricolazioni di auto diesel, un buon numero invece per quelle a benzina.

E per quanto riguarda le auto elettriche si registra una forte crescita, anche se in termini di numeri siamo ancora a livelli molto bassi. Se vogliamo analizzare il trend, però, il primo trimestre del 2018 registra una crescita davvero positiva, del 47%, con 88.329 unità vendute. Non si può quindi ancora parlare di grandi numeri, ma si può dire comunque che le previsioni che il 2018 fosse l’anno dell’avvio della mobilità elettrica si stanno esaudendo. O perlomeno, guardando i numeri dei primi mesi, possiamo pensare che tutto l’anno sarà in crescendo.

Per quanto riguarda l’immatricolazione di auto alimentate con combustibile fossile, come già detto, si registra un grande calo, nonostante i numeri siano ancora alti; si tratta infatti di 1.603.337 vetture vendute, in diminuzione del 17.1%, mentre le auto a benzina hanno registrato un aumento delle vendite del 14.6% con 2.355.611 esemplari. Se analizziamo i dati europei nel primo trimestre di quest’anno, il 55.5% delle nuove auto immatricolate sono a benzina, il 37.9% a diesel e l’1.7% elettriche. Germania, Francia e Spagna aumentano vertiginosamente l’utilizzo di auto con carburanti alternativi, mentre Regno Unito e Italia registrano una crescita molto lenta. Nella penisola sono state immatricolate 171.379 auto ad aprile, il 6.4% in più dell’anno scorso.

Secondo Adolfo De Stefani Cosentino, presidente di Federauto, questo aumento è da imputare al fatto che il mese di aprile quest’anno ha avuto un giorno lavorativo in più rispetto al 2017; egli sostiene comunque che le promozioni proposte dalle concessionarie per alleggerire gli stock di auto nuove accumulati nel primo trimestre, nel mese di aprile hanno sicuramente inciso parecchio sulla crescita delle immatricolazioni a privati registrata.

Le auto più vendute nel mese di aprile in Italia sono la Fiat Panda con 8.716 unità, la 500X, la Lancia Ypsilon, le Fiat Tipo e 500. Alti i numeri anche per la Jeep Renegade e la 500L. Fiat ha immatricolato quasi 137.000 auto nel primo quadrimestre del 2018, con una quota di mercato pari al 18.4% in Italia.

Grazie alle nuove immatricolazioni e alla sostituzione del vecchio parco auto circolante è possibile avere un risparmio delle emissioni di CO2. La principale quota di risparmi è attribuibile alle immatricolazioni delle auto diesel, anche se in diminuzione, ugualmente ai risparmi di CO2 derivanti dalle immatricolazioni delle auto a metano e ibride. In aumento i risparmi derivanti dalle auto a elettriche, a Gpl e benzina.

MOTORI E’ boom di auto elettriche: + 47% in un trimestre