Volvo V60 Diesel Plug-In Hybrid: l’auto che viene dal futuro. Foto

Su strada è veloce e sorprende perché fa davvero 50 km con un pieno di elettricità. Purtroppo costa quasi 60.000 euro

In tempi duri come questi dove il costo del carburante incide non poco nei bilanci familiari, poter disporre di un’auto che percorre 50 chilometri in modalità completamente elettrica (e quindi a costo quasi zero) non è cosa da poco.

Sembra un futuro lontano, e invece parliamo del presente: chi riesce a coprire una così grande distanza con consumi così ridotti è la Volvo V60 Diesel Plug-In Hybrid, l’ultima arrivata della Casa Norvegese e prima auto idrida-diesel al mondo. Prima di assaporarne tutte le novità bisogna però sottolineare il prezzo: 59.900 euro, un’po alto per i tempi che corrono, anche se nessun centesimo è speso male.

Se questo ostacolo non vi spaventa, sappiate che chi sceglie questa innovativa station wagon avrà a disposizione il meglio della tecnologia moderna. Infatti grazie al restyling che ha interessato i modelli S60 e V60, XC60, V70, XC70, S80 sono state introdotte numerose novità di cui beneficia anche la Volvo V60 Diesel Plug-In Hybrid, come il pacchetto “IntelliSafe” ancora più ricco che dispone di frenata automatica per ciclisti e pedoni.

Ma la vera novità è nel frontale, con calandra ridisegnata a forma esagonale, luci diurne a LED e gruppi ottici assottigliati: utti particolari che contribuiscono a svecchiare il modello regalando leggerezza e dinamicità statica senza rinunciare a carattere ed eleganza.

A ricordare la natura innovativa del modello vi sono due scritte "Plug-In Hybrid", una a lato del montante anteriore e sul portellone, dove invece è più chiara la sigla “D6 AWD”. Il posteriore è la parte che più ricorda il vecchio modello, quindi quella che ha beneficiato meno del restyling, anche se le linee sono sempre moderne e filanti in pieno stile Volvo. I cerchi sono belli, con inserti aerodinamici, disegno a 7 razze e grandezza da 17”.

La tecnologia è l’elemento distintivo, e la propulsione ibrida permette di avere un motore diesel che opera sulle ruote anteriori e quello elettrico da 68 CV che agisce su quelle posteriori. I due motori lavorano assieme ed autonomamente: se il piede è leggero e non si necessita di particolare sprint, è l’elettrico a alimentare la station wagon fino ad un massimo di 50 Km, mentre quando si necessita di spinta e potenza interviene il diesel da 215 CV.

Ciò che veramente piace è il silenzio che regna nell’abitacolo quando si è alla guida: una sensazione che lascia un’pò di stucco la prima volta che si sperimenta, poichè nessuna vibrazione, nessun suono o rumore provengono dalla zona del cofano. Gli amanti della musica classica apprezzeranno, ma non sono i soli, anche noi gustiamo con piacere questa situazione decisamente gradevole e rilassante.

Quando si pigia sull’acceleratore l’auto si trasforma, con i 5 cilindri 20 valvole a gasolio che dà il meglio di sé,  non facendo rimpiangere  nemmeno gli amanti delle coupè più sportive. Il cambio automatico a 6 marce funziona bene, con innesti precisi e sinceri che perdono un’po di “riflessi” quando si utilizza la modalità manuale, ma il telaio regala grande feeling di guida anche grazie allo sterzo preciso .

Le batterie al litio sono facilmente ricaricabili da casa con una spina per uso domestico da 16 A, con cui sono necessarie 3,5 ore per fare il pieno alla ibrida Volvo. I consumi sono da prima della classe, con valori che spaziano da un ipotetico 0lt/100Km ad un massimo di 1,4 lt/100Km quando usiamo l’ibrido, ma a causa dell’autonomia che non supera i 50 Km trovarsi con le batteria terra non è poi così difficile, specialmente se parliamo di lunghi viaggi. Nelle tratta casa-ufficio invece è possibile viaggiare quasi a costo zero, e questo è un vantaggio non da poco.

Con piede leggero e senza ausilio del motore elettrico (quindi a batteria scarica) si riesce ad ottenere facilmente il valore di  4,5 lt/100Km, in linea con l’Ibrido Toyota, tra i più diffusi e apprezzati al mondo. Internamente cattura gli sguardi la nuova strumentazione a  schermo digitale “Adaptive Digital Display" che si può configurare nelle quattro grafiche Hybrid, Eco, Elegance e Performance. 

Le dotazione di serie è ricca con fari Bi-Xeno attivi, quadro strumenti digitale, telaio Dynamic rinforzato e con barra duomi, rivestimenti in pelle Comfort, navigatore e impianto audio High Performance Multi Media (8 altoparlanti, amplificatore 4X40W, schermo a colori da 7", lettore CD/DVD, presa AUX). Anche le prestazioni non deludono, con una velocità massima di 230 Km/h e un’accelerazione 0-100 Km/h coperta in soli 6,1 secondi.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI Volvo V60 Diesel Plug-In Hybrid: l’auto che viene dal futuro.&nb...