Volvo si inventa l’airbag per salvare i pedoni. Foto sequenza

Il costruttore svedese è stato premiato con il Global NCAP Innovation Award per il cuscino che protegge la testa delle persone in caso di incidente stradale

Ormai manca solo più che si vada a passeggio con un cuscino nascosto nei vestiti, pronto ad esplodere per proteggere un pedone nel caso in cui un’automobile lo investa. Già ora, comunque, c’è qualcuno che l’airbag per il pedone lo ha realizzato, montandolo sotto il cofano che nasconde il motore in modo che possa attutire l’impatto nel malaugurato caso di impatto contro una persona. Si tratta di Volvo, il costruttore di automobili svedese (e di proprietà cinese) che per il 2013 è stato premiato con il riconoscimento per l’innovazione Global NCAP Innovation Award.

La prima auto al mondo ad offrire questo accessorio è stata la nuova Volvo V40, mentre è una donna, la professoressa Lotta Jakobsson (Senior technical specialist safety presso il Centro sicurezza Volvo), ad aver ritirato il premio durante la ESV (Enhanced Safety of Vehicles) Conference di Seoul, in Corea del Sud. Un incoraggiamento verso l’obiettivo che proprio Volvo si è prefissata di raggiungere nel 2020: azzerare il numero di morti o lesioni gravi causate da un incidente in cui sia coinvolto un nuovo modello Volvo. "Lo scopo del primo airbag per i pedoni introdotto a livello mondiale – ha spiegato la professoressa – è quello di favorire la protezione degli utenti più vulnerabili della strada in situazioni nelle quali sia inevitabile l’impatto contro il cofano e l’area intorno al parabrezza, ovvero le zone in cui è più probabile che l’urto causi gravi lesioni alla testa".

Il problema dei traumi legati agli incidenti stradali che coinvolgono i pedoni riguarda più aeree geografiche nel mondo. Per esempio, in Cina il 25% degli incidenti stradali vede coinvolti dei pedoni, mentre in Europa si scende al 14% e negli USA al 12%. Tra questi, le lesioni più gravi per le persone si verificano nell’impatto tra la testa e la struttura rigida posta sotto il pannello del cofano, dal bordo inferiore del parabrezza i montanti laterali. Su queste statistiche si è basato il lavoro dei tecnici Volvo, che hanno concepito così il sistema Pedestrian Detection accoppiato alla frenata automatica completa della vettura.

Con questo dispositivo la nuova Volvo V40 riesce ad evitare la collisione con un pedone fino ad una velocità di 35 km/h nel caso in cui il conducente non reagisca in tempo. A velocità più elevate, l’obiettivo invece è quello di limitare al massimo la velocità dell’auto prima dell’inevitabile impatto. A quel punto interviene la tecnologia Pedestrian Airbag, che solleva il cofano di 10 centimetri grazie alla presenza di sette sensori integrati nella sezione anteriore della vettura. Quando l’auto colpisce un oggetto l’unità di controllo valuta i segnali in arrivo e se rileva quello che interpreta come un arto umano, l’airbag per i pedoni viene attivato. I cardini del cofano sono realizzati con dei meccanismi di sgancio pirotecnici che, in caso di attivazione del sistema, sfilano un perno sganciando così il retro del pannello del cofano. Nel frattempo, l’airbag ha già iniziato a riempirsi di gas e, gonfiandosi, solleva il cofano, alzandolo di 10 centimetri. Uno spazio che serve ad allontanare dal corpo umano i componenti rigidi presenti all’interno del vano motore e fa sì che il cofano stesso possa deformarsi assorbendo l’energia dell’impatto e rendendo meno severo l’urto per la testa e il torace del pedone.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Volvo si inventa l’airbag per salvare i pedoni. Foto sequen...