Volkswagen Passat GTE: anche la familiare diventa plug-in

Volkswagen lancia la Passat plug-in, anche in versione variant

Sempre più elettrica: dopo aver inaugurato il suo filone della ibride plug-in con la Golf, Volkswagen ripete l’operazione con un’altra delle sue punte di diamante, la Passat, proposta in versione elettrica sia berlina che variant, prima wagon a emissioni zero della casa di Wolfsburg.  

Se le novità non sono solo sotto il cofano, di sicuro, però, l’innovazione principale è sul motore. La nuova Passat è spinta da TSI 1.4 benzina da 156 CV abbinato all’elettrico delle batterie al litio ricaricabili da 116 Cv per complessivi 218 cavalli. I consumi ‘ufficiali’ variano tra 1.5 e 1.7  l/100 km con emissioni di 37-39 g Co2/km, con autonomia totalmente elettrica di 50 km e complessiva di ben 1000 km mentre la velocità di punta è di 220 km/h nella modalità combinata GTE e 130 KM/h in modalità elettrica e l’accelerazione da 0 a 100 km/h coperta in 8".

Sempre secondo i dati della casa di Wolfsburg, il motore ‘verde’ della Passat può esser ricaricato completamente in 4h15′ con una presa standard o 2h30′ grazie ad nua wallbox fornito dalla Volkswagen. In realtà le novità della nuova Passat non si fermano al motore.

Esternamente brillano i nuovi fari LED, la nuova griglia cromata con una striscia di un vivace blu, che richiama la categoria dei motori elettrici Volkswagen e i nuovi paraurti frontali, contornati da una linea luminosa in LED a forma di ‘C’, altra peculiarità delle vetture ‘verdi’ della casa di Wolfbsurg, e i nuovi cerchi in lega da 17".

All’interno la luce è prevalentemente blu, il volante è in pelle e le finiture sono caratterizzate da linee in alluminio e nero brillante. Al centro della plancia spicca il display per l’infotainment del Composition Media di serie da 6,5" che può arrivare agli 8" con i più ricchi Discover Media e Discover pro, capaci di fornire informazioni specifiche sulla motorizzazione elettrica. Particolare quanto utili alcune ‘chicche’ tecnologiche, come l’pp Car-Net e-Remote, che permette anche di avviare la ricarica dell’auto tramite smartphone.

Ricco il pacchetto di sistemi di sicurezza e assistenza alla guida, che comprende tra gli altri Driver Alert System, Automatic Post-Collision Braking, il Front Assist ambient traffic monitoring system con frenata d’emergenza automatica nel traffico cittadino e Park Pilot frontale e posteriore. Solo su richiesta, invece, viene fornito l’Active Info Display, che trasforma il tradizionale quadro strumenti del cruscotto in un sistema digitale vero e proprio, in pratica un secondo schermo sul quale leggere diversi dati e anche il navigatore.

La nuova Passat GTE, sia in versione berlina che Variant, arriverà in Europa in autunno con prezzi ancora da definire per il mercato italiano: per avere un minimo di orientamento, in Germania il prezzo è di 44.250 euro per la berlina e 45.250 euro per la variant.

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Volkswagen Passat GTE: anche la familiare diventa plug-in