Partire in auto per le vacanze senza ansia: quali controlli fare

I road trip sono pieni di fascino e mistero però, allo stesso tempo, sottopongono il veicolo a uno stresso di gran lunga superiore alla norma

Prima di partire per un lungo viaggio, ricorda di controllare l’auto. I road trip sono assolutamente pieni di fascino, ma sottopongono il veicolo a un forte stress. Ci si può ritrovare a percorrere centinaia di chilometri senza sosta, con temperature decisamente elevate e un carico superiore al normale. Tutti gli elementi meccanici (e non) dell’auto devono essere quindi in “piena forma”.

Alcuni giorni prima della partenza, dunque, è più che consigliabile dedicare qualche decina di minuti del proprio tempo alla propria “quattro ruote”, così da accertarsi che sia tutto in ordine e funzioni al meglio. Molti dei controlli, infatti, possono essere effettuati in casa, senza bisogno di doversi recare dal meccanico di fiducia. Se, però, nel corso delle verifiche dovesse presentarsi qualche anomalia, allora è il caso di andare in officina e chiedere il supporto di un professionista.

Prima di tutto, è necessario controllare il livello di tutti i liquidi: così, se qualcosa non dovesse essere in regola, si avrà tutto il tempo per sistemare la questione con calma. Ovviamente, si deve verificare il livello dell’olio motore e quello del liquido refrigerante. Nel corso del road trip, infatti, il motore verrà sottoposto a un “superlavoro”, più lungo e intenso rispetto a quello dell’utilizzo quotidiano. Per questo, si deve esser certi che l’olio e il liquido refrigerante siano entro i valori di guardia: se sono al di sotto del minimo, è altamente probabile che ci siano una perdita nel circuito e, dunque, un problema che richiede l’intervento di un meccanico.

Altrettanto importante è il livello del liquido dei freni. Se i freni si surriscaldano, infatti, è possibile che nel circuito frenante si vengano a creare delle piccole bolle d’aria, che riducono l’efficienza dell’impianto e aumentano lo spazio necessario per arrestare il veicolo. Da non sottovalutare, poi, il livello del liquido tergicristalli. Un parabrezza pulito consente di avere una visibilità ottimale della strada e di tutto ciò che ci circonda, indipendentemente dal percorso che stiamo seguendo.

Altro elemento da controllare è la cinghia dei servizi, di solito immediatamente visibile all’interno del cofano motore. Per essere certi che sia tutto in ordine, è sufficiente una verifica visiva: in caso di crepe o altre imperfezioni, è meglio rivolgersi al meccanico di fiducia e farla cambiare. Se dovesse rompersi durante il viaggio, infatti, non potremmo far altro che chiamare un carro attrezzi e farci “rimorchiare”.

Va poi verificato quale sia lo stato degli pneumatici. Anche in questo caso, un’attenta verifica visiva permette di accertarsi che il livello di battistrada sia superiore a quanto previsto dal Codice della Strada e che non ci siano imperfezioni che possano causare un’improvvisa foratura mentre ci troviamo in piena corsa. Necessario, poi, controllare la pressione delle gomme e, seguendo le indicazioni del libretto d’uso, intervenire in caso sia troppo bassa.

Infine, un controllo delle luci richiede pochissimi secondi (basta accenderle), ma consente di migliorare di molto il livello di sicurezza del viaggio. Se non dovesse funzionare una luce anabbagliante oppure una freccia potremmo ritrovarci in seri guai, oltre a mettere in pericolo l’incolumità di chi si trova con noi a bordo del veicolo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Partire in auto per le vacanze senza ansia: quali controlli fare