Valutazione auto, come districarsi tra le quotazioni dell’usato

Orientarsi nel mercato della compranvedita di auto usate non è semplice, ecco un vademecum con le principali notizie da conoscere

Comprare un’auto usata può essere una soluzione economica e conveniente. Con un po’ di fiuto, tenendo gli occhi ben aperti, è possibile fare dei veri e propri affari. Ma come ci si può districare tra le numerose quotazioni dell’usato in modo da scartare i cattivi affari e puntare su un usato di buona qualità?

Come calcolare la valutazione dell’auto

Valutare un’auto, soprattutto se d’epoca, non è così semplice. Ci sono molti fattori da tenere in conto. Sbagliare la valutazione può comportare una spesa maggiore del dovuto, oppure, nel caso in cui intendiamo vendere la nostra vecchia quattroruote, impedirci di trovare un acquirente in breve tempo.

Per una corretta analisi del prodotto e una buona valutazione è fondamentale conoscere la marca, il modello, l’anno di immatricolazione, il tipo di carburante. Questi sono i primi pilastri attorno cui ruota una buona valutazione di un’auto usata. Vanno inoltre analizzati il tipo di cambio e i km già percorsi. Nonostante l’auto sia presente sul mercato da pochi anni, può succedere che il proprietario l’abbia utilizzata su lunghe distanze, causando invitabilmente l’usura dei suoi componenti, o – viceversa – l’auto può essere molto datata, ma segnare una cifra bassa sul contachilometri.

Come effettuare la valutazione dell’auto on-line

A dare una mano nella giungla delle quotazioni ci sono dei portali on line divenuti nel tempo dei veri e propri punti di riferimento per conoscere, almeno approssimativamente, il valore dell’auto che conserviamo in garage, in attesa di essere venduta o della quattroruote dei sogni che intendiamo comprare sul mercato dell’usato.

Ma le quotazioni devono essere valutate con il giusto livello di elasticità, ci sono dei fattori che incidono fortemente sul prezzo in base alle caratteristiche che possono mutare, anche sensibilmente, la valutazione finale. Bisogna tener conto dell’usura degli pneumatici, la presenza di segni sulla carrozzeria, perdità di qualità di alcuni componenti e tanti altri elementi che solo un occhio esperto sa valutare al momento.

Come leggere le quotazioni di un auto

Acquistato il giornale di riferimento per analizzare la quotazione dell’auto usata che ci interessa, basterà individuare marca e modello della vettura che ci incuriosisce,  per conoscere il valore della quotazione basterà scorrere sul rigo orizzontale la tabella fino a individuare il modello e l’allestimento stando ben attenti a trovare il semestre di immatricolazione esatto.

Cos’è e come funziona il listino auto usate Eurotax

Oltre ai portali delle principali riviste on line, esiste anche un listino adottato da tutti gli operatori del settore per stabilire il reale valore di mercato delle automobili. Si chiama eurotax ed è possibile affidarsi alle sue precise valutazioni o comprando le riviste specializzate oppure acquistando on line le valutazioni persoalizzate, a pagamento, che permettono di avere un valore preciso della vettura che si vuole acquistare o vendere. Chilometri percorsi e accessori presenti nell’auto sono i principali parametri presi in considerazione. Eurotax tiene conto anche della perdita di valore annua che ogni auto, col passare del tempo, subisce.

Quanto vale un auto d’epoca

Non basta possedere un’auto d’epoca per essere sicuri di avere un veicolo di valore. La vettura vintage deve essere conservata in ottime condizioni e non deve avere montati elementi non originali. Se l’auto è in buone condizioni questo fattore può incidere anche del 30% di bonus rispetto al prezzo standard. Se poi l’auto ha subito un restauro a regola d’arte, in ogni minimo dettaglio, il suo valore può anche raddoppiare. Si svaluta notevolmente invece nel caso in cui un’auto sia in condizioni originali ma richieda importanti interventi di manutenzione o di completo restauro.

Come valutare un auto dalla targa

Per una valutazione accurata è possibile anche solo affidarsi al numero di targa. Il valore di un auto, infatti, è stabilito anche dalla regolarità dei pagamenti, dal numero di persone che in precedenza ha posseduto il veicolo e dalla presenza di fermi amministrativi e dalle revisioni effettuate. Gli strumenti gratuiti per valutare un auto dalla targa sono diversi. Innanzitutto ci si può affidare al certificato di proprietà digitale, documento rilasciato dall’Aci che indica tutte le informazioni giuridico-patrimoniali del veicolo. Sul valore dell’auto incide anche il pagamento del bollo auto. Se non sono in regola il valore dell’autovettura cala sensibilmente. Per poter controllare che tutto sia a posto, Aci mette a disposizione uno strumento di calcolo del bollo auto digitale. Inoltre è possibile fare affidamento – sempre connenntendosi sul sito www.aci.it – al Pubblico Registro Automobilistico dove sono contenute tutte le informazioni relative alla proprietà giuridica del veicolo.

MOTORI Valutazione auto, come districarsi tra le quotazioni dell’usato