Toyota Supra, il grande ritorno

Un nome importante nel mondo delle supersportive, Supra si è vista poco in Italia ma promette un ritorno “alla grande” alla fine di quest’anno

Il nome Supra nasce nell’universo Toyota nel lontano 1978 come versione ipervitaminizzata di Celica, ma solo con la sua terza generazione nel 1986 diviene un modello sportivo a se stante. La meccanica nelle versioni tipo adotta un sei cilindri tre litri turbo da 230 Cv, la disposizione della meccanica è tradizionale: questa generazione di Supra ha il suo canto del cigno nel 1992 con la potenza che arriva a 280 Cv e con raffinate componenti per le sospensioni e con interni più preziosi.

La quarta generazione, completamente ripensata, arriva sia in America che in Europa e monta un sei cilindri biturbo da 320 Cv che le consentiva un accelerazione da 0 a 100 km ora in 4,6 secondi, ma nel 2002 l’evoluzione del modello finisce e Supra nonostante i grossi successi anche in ambito sportivo viene tolta dal mercato.

Adesso Supra è tornata, è stata vista in anteprima a metà luglio sul celebre percorso in salita del Festival of Speed di Goodwood con un prototipo ampiamente camuffato ma che ne rivela già pienamente la linea. Questa nuova generazione di Supra è entrata nella fase finale del suo sviluppo e arriverà anche da noi verso la fine di quest’anno. Condivide la piattaforma con quella della prossima Bmw Z4 anche se le linee sono rimaste fedeli a quelle del primo Concept di Supra visto a Detroit nel lontano 2014.

Anche la meccanica, almeno per le versioni di punta, sfrutterà una collaborazione con Bmw e utilizzerà il sei cilindri da tre litri e 335 Cv e 500 Nm di coppia, la disposizione meccanica resta fedele alla sua tradizione e avrà il motore anteriore e la trazione sulle ruote posteriori.  Supra – stando alle parole dei tecnici Toyota – è destinata a diventare la sportiva di punta del marchio e sarà l’apripista di una nuova era che includerà anche una versione pensata appositamente per la pista insieme al team Toyota Gazoo.

Si sa ancora poco degli interni anche se ci si aspetta una strumentazione digitale. Tecnologie come l’head-up display e il navigatore dovrebbero essere di serie, mentre il sistema di infotainment potrebbe essere di base lo stesso di BMW (l’iDrive) ma con un layout customizzato.

Nulla di ufficiale circa i prezzi anche se si parla di 65.000 dollari come prezzo di lancio per il mercato USA

Toyota Supra

MOTORI Toyota Supra, il grande ritorno