Toyota Aygo, nuove idee per un modello di successo

Palcoscenico di prestigio per la nuova Toyota Aygo che verrà presentata al Salone di Ginevra 2018

DNA Toyota e immagine rinnovata con delle novità per quanto riguarda il design della zona anteriore, performance e una maggiore maneggevolezza per trasmettere il massimo divertimento quando si guida.

A quattro anni dal lancio sul mercato della prima Toyota Aygo, il restyling è quasi d’obbligo per non incorrere nella classica crisi di mezza età. La zona maggiormente interessata dalla rivoluzione estetica è il frontale della vettura, in cui si ha un’evoluzione del design a “X” che la contraddistingue, aumentando così il suo tratto caratterizzante. Spesso “caratterizzare” fa rima anche con “personalizzare”, e con Aygo questa possibilità viene data dalla possibilità di richiedere innanzitutto i contorni dei fari rifiniti in nero, argento o nero lucido. Fari che grazie a un accattivante gioco grafico sembrano avvolgere totalmente il cofano. Colpisce soprattutto la parte inferiore dell’anteriore, con un’enorme e massiccia presa d’aria interrotta dal paraurti di un nero deciso. Forse un po’ troppo aggressiva, ma l’aggressività raramente viene recepita come un elemento negativo dal grande pubblico.

Il laterale e il posteriore sono sostanzialmente uguali, con gli accentuati e consueti giochi grafici del portellone. L’unica novità sostanziale dovrebbero essere i cerchi in lega da 15 pollici.

Il motore è un 3 cilindri da 1.0 litro capace di sviluppare 72 CV e una coppia massima di 93 Nm disponibile a 4.400 giri. Questa novità nella meccanica e nella motorizzazione si traduce, a detta della Casa delle Tre Ellissi, in prestazioni più brillanti con consumi ed emissioni inquinanti più contenuti: si parla di consumo dichiarato di carburante nel ciclo misto tra i 4,1 e i 3,9 litri per 100 km ed emissioni comprese tra i 93 e gli 86 grammi di CO2 al km, non male per un’auto che dovrebbe offrire perfomance discrete con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 13,8 secondi per poi toccare i 160 km/h come velocità di punta.

All’interno dell’abitacolo troviamo materiali fonoassorbenti che hanno reso possibile una discreta riduzione delle vibrazioni con relativa maggiore insonorizzazione, aumentando così anche il piacere della guida.

Oltre alle due versioni cromatiche preesistenti, debutteranno nel 2018 due nuove colorazioni, la blue e la magenta.
Colorazioni Toyota Aygo

MOTORI Toyota Aygo, nuove idee per un modello di successo