Tornano gli ecoincentivi: ecco i modelli per sconti fino a 5000 euro

Firmato il decreto: ecco i modelli con i quali risparmiare fino a 5000 euro

Buone notizie per gli automobilisti e i motociclisti: tornano infatti gli ecoincentivi per l’acquisto di auto e moto a basse emissioni “complessive”, con sconti che possono arrivare fino a 5000 euro. Il Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi ha infatti firmato il decreto per l’utilizzo di 31.363.943 euro stanziati per il 2014 dal Ministero, cui si aggiungeranno le risorse non utilizzate nel 2013 per un totale di 63,4 milioni.
L’incentivo, che non riguarderà né auto a “km 0”, perché già immatricolate, né le biciclette a pedalata assistita, non favorirà in particolare una tecnologia verde piuttosto che un’altra e richiede al concessionario di essere registrato all’area specifica dedicata dal Ministero (www.bec.mise.gov.it),. dove potrà prenotare gli sconti da girare poi ai clienti.
In sé, l’incentivo sarà composto da due parti, il contributo statale e lo sconto del venditore, sconto proposto o come compensazione con il prezzo d’acquisto o come risultante dell’atto d’acquisto, compresi eventuali altri sconti e prima dell’applicazione delle tasse.
Le risorse stanziate riguardano per il 15% all’acquisto, da parte di tutte le categorie di acquirenti, di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 50 g/km, per il 35% per l’acquisto, da parte di tutte le categorie di acquirenti, di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km e per il il 50% per l’acquisto di veicoli ecologici con emissioni non superiori a 120 g/km da parte di aziende o destinati all’uso di terzi ma utilizzati esclusivamente come beni strumentali nell’attività propria dell’impresa, sempre che venga rottamato un veicolo di oltre 10 anni di cui si sia in possesso da almeno 12 mesi e della stessa categoria del veicolo acquistato.
Sottolineato quindi come la rottamazione non sia obbligatoria in caso di acquisto di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km – leggasi soprattutto veicoli elettrici o ibridi -, gli sconti seguiranno le leggi in vigore nel 2013, ovvero del 20% del prezzo (massimo 5000 euro) per l’acquisto di mezzi che emettono meno di 50 g/km di CO2, del 20% sul prezzo di acquisto fino ad un massimo di 4.000 euro per le auto che emettono tra 51 e 95 g/km di CO2 e del 20% sul prezzo di acquisto fino ad un massimo di 2.000 euro per le auto che emettono tra 96 e 120 g/km di CO2.
Fatta la legge, intanto, trovato…il problema: secondo i concessionari, infatti, i fondi sarebbero pochi e, soprattutto, destinati alle aziende che però, con le limitazioni sopraindicate, non possono usufruirne facilmente, considerazione che verrà “testata” dalla reale richiesta del mercato.
ECCO LE MACCHINE PER GLI ECOINCENTIVI – Complessivamente sono 84 i modelli che permettono di sfruittare gli ecoincentivi. La fascia più popolata è quella con emissioni fino a 120 g/km, che comprende anche la Mercedes Classe E in versione ibrida mentre nella fascia fino a 95g/km c’è la Porsche Panamera, sempre ibrida. 20, invece i modelli nella faqscia fino a 95g/km e 16 per i modelli fino a 50g/km: in questa fascia ci sono soprattutto auto elettriche – 10 in tutto – come la Renault Fluence e Zoe e la Nissan Leaf, alla Smart Fortwo, la Volkswagen UP!, la Peugeot ION, la Citroen C-ZERO, la Mitsubishi I-MIEV, la Ford Focus e la Bmw i3, oltre a 6 ibride come la Bmw i3, Chevrolet Volt, Mitsubishi Outlander, Opel Ampera, Toyota Prius e Volvo V60.
Altre vetture ibride “scontate” con gli ecoincentivi sono la Citroen DS5, Lexus CT, Peugeot 3008, Peugeot 508, Porsche Panamera e le tre Toyota Auris, Prius e Yaris nella  fascia di emissioni fino a 95 g/km di CO2 e Citroen DS5, le tre Honda CR-Z, Insight e Jazz, le Lexus GS e IS, la Mercedes Classe E, le due Peugeot 3008 e 508 e la Toyota Prius in quella fino a 120 g/km.
Tante, ovviamente, pure le auto a GPL, 33 di cui solo 4 nella fascia fino a 95 g/km e il resto in quella fino a 120 g/km di CO2 (comprese Fiat 500, Idea, Panda e Punto) e a metano, 17 di cui 8 fino a 95 g/km di CO2 e 9 fino a 120 g/Km di CO2 (tra le quali le Panda, Punto e Qubo, Lancia Ypsilon e Fiat 500L, queste ultime anche in versione GPL).
MOTORI Tornano gli ecoincentivi: ecco i modelli per sconti fino a 5000 e...