Sta per tornare la Chevrolet Corvette e sarà completamente rinnovata

Già sette generazioni per la magica Corvette, che presto arriverà all’ottava e sarà lanciata sul mercato

La Chevrolet Corvette è senza dubbio una delle auto sportive americane più note al mondo.

Arrivata oggi alla settima generazione compiuta e vicinissima al debutto dell’ottava, la nuova Chevrolet Corvette sarà rivoluzionata completamente. La prima novità assoluta è che, per la prima volta, il modello non avrà più il motore anteriore, che verrà sostituito da propulsore centrale. E ancora, sistema di sollevamento anteriore della doppia funzione che aiuta a modificare il centro di pressione a seconda della velocità di percorrenza della macchina. Si distinguerà da ormai tutte le più moderne auto sportive per quanto riguarda i materiali utilizzati; il telaio in carbonio infatti sparisce per lasciare spazio ad una struttura in alluminio coadiuvato solo in parte da elementi in carbonio e magnesio. La carrozzeria sarà in vetroresina e questo apporta un peso maggiore, che dovrebbe essere di poco inferiore ai 1.600 kg.

Il primo motore che verrà proposto sulla nuova Chevrolet Corvette C8 sarà la versione aggiornata del V8 LT1 di 6.2 litri, la potenza di 455 Cv verrà probabilmente alterata fino ai 500 Cv. Sono previste altre varianti di propulsore come il V8 ad albero piatto di 5.5 litri da 600 Cv e 9.000 giri ed anche una versione biturbo dello stesso, che sprigionerà una folle potenza di 800 Cv. Non è tutto, anche Chevrolet si porta avanti nel mondo dell’elettrico e in futuro la Corvette C8 potrebbe uscire anche con un motore elettrico da 200 Cv di potenza con trazione anteriore e con un modello ibrido a trazione integrale di 1.000 Cv.

La nuova super proposta della Casa dovrebbe essere immessa sul mercato dal 2020, quindi potrebbe essere presentata ufficialmente nel 2019. Forse non tutti sanno che è stato merito di un russo, e non di un americano, tal Zora Arkus-Duntov, il successo delle svariate generazioni di Corvette. Fu lui a convincere la Casa a creare un prodotto che potesse attirare i più giovani. Egli, durante la 12 ore di Sebrig del 1957 capì subito che il motore doveva essere spostato dietro al pilota e realizzò ben 5 prototipi a motore centrale, trazione integrale, con sospensioni indipendenti, carrozzerie in alluminio e motori V8. Ma purtroppo non gli fu facile farsi ascoltare in azienda, come successe anche per altre moltissime proposte che fece negli anni. Infatti morì senza mai vedere una Chevrolet Corvette a motore in circolazione.

La Casa è tuttora scettica sull’introduzione di questa modifica sulla propria vettura, anche se noi tutti sappiamo che è una rivoluzione benefica e, perché no?, un sogno che finalmente diventa realtà.

chevrolet c8

MOTORI Sta per tornare la Chevrolet Corvette e sarà completamente rinno...