Test Opel Meriva: sempre flex, ancora più economica. Foto-pagella

La versione restyling mantiene le porte controvento e adotta il nuovo 1.6 CDTi, potente ed economico

La prima Opel Meriva era una piccola multispazio cittadina dalla forma a uovo e dalle soluzioni interne originali. Poi, nel 2010, si è rinnovata, e ora giunge al restyling di metà carriera: fedele al concetto originario, ma più moderna ed attuale. Esteriormente, la nuova Meriva cambia pochissimo rispetto alla seconda serie: più che altro il frontale, con la nuova calandra, lo scudo e le ludi a LED, ora più simili ad altri modelli Opel.

La lunghezza è sempre di 4,32 metri, e soprattutto viene mantenuta una caratteristica che solo lei ha: la porta posteriore che si apre controvento. Vantaggi? Ci sono, e non sono pochi: la porta si apre quasi a 90°, ed entrare è molto più facile. C’è il montante centrale, è vero, però c’è anche una comoda maniglia per entrare e uscire facilmente. Solo qualche limite: difficile entrare davanti e dietro contemporaneamente, in certi parcheggi l’apertura non è comodissima, si vede un po’ meno ai lati.

La praticità è poi garantita dal sistema FlexSpace, che permette di abbattere e spostare le sedute in modo indipendente e con movimenti semplici. Il bagagliaio passa così da 400 a 1.550 litri, cui si aggiungono una trentina di vani, e il sistema di scomparti FlexRail su binari in alluminio tra i sedili anteriori. Spazio e praticità si sposano con bassi consumi soprattutto con il turbodiesel 1.6 CDTi di nuova introduzione: il motore di questa prova dispone di 136 CV, ed è fin troppo brillante per il genere di vettura, con 320 Nm di coppia massima disponibile già a 2.000 giri.

Il 4 cilindri si fa un po’ sentire, ma ha poche vibrazioni ed è fluido nel funzionamento, con bassi consumi: 4,4 l/100 km il valore medio, 6,4 quello da noi realizzato senza troppa attenzione.

C’è anche il 1.6 da 110 CV, più parco ed economico, sempre Euro 6. La versione provata, la top di gamma Cosmo, costa 24.070 euro e ha di serie clima automatico, cruise control e computer di bordo. Per chi vuole spendere meno, la entry level con il 1.4 benzina 100 CV costa 17.300 euro.

(a cura di OmniAuto.it)
 


 

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Test Opel Meriva: sempre flex, ancora più economica. Foto-pagella