Test Dacia Duster restyling, il SUV low cost si rifà il trucco. Foto

Diverso frontale, nuovi interni, nuovo motore a benzina. Prezzi che partono da 11.900 euro

L’idea è stata apparentemente geniale: sdoganare il low cost anche nei mercati "avanzati", per chi vuole spendere poco, o per chi ama un certo stile di vita. Il marchio già c’era: Dacia, succursale rumena di Renault. E dopo i primi esperimenti con la Logan, che attirava più che altro per il prezzo, ecco arrivare anche idee intelligenti per un design economico e gradevole.

La Dacia Duster sembra aver fatto centro: la meccanica Renault, non la più recente ma comunque affidabile, si sposa con un design da crossover compatta che non manca di una certa "immagine". Poi è arrivata la crisi economica, e tutto questo è diventato un mix sorprendente: la Duster è uno dei SUV più venduti in Italia, praticamente per tutto il periodo di produzione, avviato circa quattro anni fa.

Anche le auto economiche si concedono il restyling, e ora tocca alla Duster per il classico aggiornamento di metà carriera. Si parte, come sempre, dal frontale: qui, invece del look delle multispazio Lodgy e Dokker, si è adottato qualcosa di più simile a un muso da fuoristrada, con accenti cromati nella calandra, e fari diversamente sagomati, con uno stile più ricercato e una maggiore aggressività.

Cambiano le barre sul tetto, e un poco anche le luci posteriori: il resto rimane più o meno come prima, secondo il principio che squadra che vince non si cambia. Entriamo nella Duster: l’abitacolo è più o meno lo stesso, ma ci sono accorgimenti per rendere più comoda la vita a bordo. Ad esempio, ci sono i comandi degli alzacristalli sulla portiera, ed è disponibile il nuovo sistema di navigazione (a richiesta) con schermo centrale, anche se un po’ in basso.

C’è più silenzio di prima, e lo stesso spazio, adatto a cinque persone: quello che aumenta è invece il bagagliaio, che può arrivare fino a 475 litri con 5 posti, e con cappelliera rigida invece che la tendina. Proviamo i motori. Debutta il piccolo 1.2 Tce, che grazie al turbo compensa la cilindrata ridotta e ottiene 125 CV: i 1.300 kg di peso si fanno sentire, e bisogna ricorrere spesso al cambio a 6 marce, oltre a tenere d’occhio i consumi che il computer di bordo ha indicato in circa 10 km/litro dopo una cinquantina di chilometri di strada e autostrada.

Più parco e più adatto anche alle doti fuoristradistiche, grazie alla coppia più elevata, é il motore 1.5 dCi turbodiesel da 110 CV, un classico della produzione Renault. Con la trazione integrale, e su un tracciato adeguato, possono essere superati ostacoli impensabili anche per molte SUV blasonate. Per una low cost i prezzi sono importanti: 11.900 euro resta il listino della versione d’accesso, mentre la 1.2 costa 15.000 euro e la diesel 14.000; per avere la diesel a trazione integrale ci vogliono quasi 17.000 euro. Considerata la categoria rimangono prezzi decisamente abbordabili.

(a  cura di OmniAuto.it)

MOTORI Test Dacia Duster restyling, il SUV low cost si rifà il trucco. ...