Tecnologia e sicurezza, i nuovi tessuti auto antivirali e antibatterici

Siamo ancora in piena emergenza a causa del Coronavirus, si cercano soluzioni per aumentare la sicurezza

Anche a bordo di auto e veicoli di ogni genere bisogna viaggiare sicuri, soprattutto in questo momento così difficile a causa della pandemia di Covid-19 che ancora non si è fermata. E così si cercano e si sperimentano soluzioni e tecnologie per limitare la diffusione del virus.

In questo scenario fa la sua comparsa Adler, gruppo leader mondiale nella componentistica automotive (sede in Campania, 1.5 miliardi di euro di fatturato), che produrrà dei tessuti antibatterici e antivirali per l’industria della mobilità. L’azienda ha firmato un accordo a Tel Aviv con la società israeliana Sonovia, specializzata proprio della realizzazione di tessuti high tech antivirali e antibatterici. L’accordo è nato in occasione della visita ufficiale in Israele di Luigi Di Maio, Ministro degli Esteri.

Stiamo purtroppo attraversando un nuovo momento molto difficile per quanto riguarda l’epidemia di Coronavirus, dalla fine dell’estate i casi in tutta Italia sono aumentati e continuano a crescere, in alcune regioni la situazione sta tornando ad essere drammatica. Questo è il motivo per cui il nuovo decreto ha introdotto raccomandazioni e divieti da rispettare per evitare il collasso del sistema sanitario, e non solo.

Anche la ricerca di soluzioni e tecnologie che possano aumentare quella che è la sicurezza nei viaggi è fondamentale in uno scenario così delicato e difficile. Per questo il gruppo Adler entra in gioco con una grande novità e decide di utilizzare la tecnologia antibatterica esclusiva anche per i tessuti interni e i tappetini di auto, treni, autobus, pullman e mezzi aerospaziali.

Il Ministro degli Affari Esteri, come abbiamo visto, si è recato a Tel Aviv per una visita ufficiale al suo omologato israeliano Gabi Ashkenazi, insieme agli ambasciatori Dror Eydar e Gianluigi Benedetti. La firma dell’accordo è avvenuta proprio in questa occasione, il presidente del gruppo Adler, Paolo Scudieri, grazie all’Osservatorio tecnologico Adler Inlight di Tel Aviv (fondato assieme a Roberta Anati, Ceo e fondatrice di Inlight) ha deciso che Sonovia ha tutte le carte in regola per essere il giusto partner industriale per sviluppare tessuti e materiali antibatterici e antivirali per interni.

Una tecnologia che al momento deve superare differenti fasi di test sui tappeti e tessuti di produzione Adler per il settore della mobilità, anche se Paolo Scudieri e Roberta Anati di Adler Inlight hanno già dichiarato di essere molto contenti e soddisfatti di aver raggiunto risultati positivi e importanti.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Tecnologia e sicurezza, i nuovi tessuti auto antivirali e antibatteric...