Tesla: in arrivo un suv e un pick-up, l’autonomia sale a 640 km

Durante l'incontro con gli azionisti, Elon Musk ha svelato i piani futuri Tesla e tutte le novità

Nonostante qualche inciampo di percorso, il futuro di Tesla è roseo. O, almeno, questo è quello che sostiene Elon Musk, il fondatore.

Nel corso dell’incontro con gli azionisti, l’eclettico imprenditore statunitense (prima di impegnarsi anima e corpo su Tesla e SpaceX ha fatto parte del gruppo di sviluppatori che ha creato PayPal) ha snocciolato alcuni dati sulla salute finanziaria del produttore di auto elettriche e indicato le linee di sviluppo a breve, medio e lungo termine. L’obiettivo primario è quello di realizzare nuovi modelli che consentano di completare la linea dei prodotti, andando a occupare segmenti di mercato attualmente scoperti.

Per riuscirci, però, Tesla deve essere in grado anche di dire la sua su altri fronti. Secondo Elon Musk l’azienda deve impegnarsi in prima persona sia nel settore minerario sia in quello assicurativo. Tesla, infatti, dovrebbe partecipare direttamente all’estrazione dei minerali necessari a realizzare nuove batterie, dotate di una capacità di accumulo sempre maggiore. Questo impegno, inoltre, permetterà di mettersi al riparo da eventuali difficoltà nell’approvvigionamento o nelle fluttuazioni del prezzo.

In attesa che questo passaggio possa realizzarsi, Tesla continua a lavorare con gli attuali fornitori per realizzare battery pack in grado di garantire un chilometraggio e un’autonomia sempre più estesa. Da qui a qualche mese, Tesla dovrebbe essere così in grado di mettere sul mercato un’auto con 400 miglia di autonomia, più o meno 640 chilometri. Il primo modello a beneficiarne potrebbe essere la Model S Long Range, che dovrebbe ricevere un aggiornamento dei moduli delle batterie già prima della fine del 2019.

A medio e lungo termine, invece, l’obiettivo è quello di rimpolpare la linea dei modelli in vendita, ferma ormai da qualche anno. Stando a quanto detto da Elon Musk agli azionisti, entro la fine del 2019 dovrebbero essere presentati altri due modelli: il pick-up anticipato già qualche mese fa e la Model-Y, il SUV che dovrebbe essere prodotto nello stabilimento di Fremont, in California. Quest’ultima, in particolare, è quella più avanti nella fase di sviluppo e potrebbe essere lanciata sul mercato già nel 2020.

Nel caso in cui la domanda di veicoli elettrici dovesse crescere in linea con le attese, Elon Musk si è detto pronto ad aprire un quarto sito produttivo, questa volta in Europa. L’impianto europeo sarà di supporto a quelli già esistenti di Fremont, Reno e Shanghai e dovrebbe ospitare linee di assemblaggio sia dei moduli delle batterie sia delle automobili. Al momento la sede dello stabilimento non è stata ancora scelta, ma è probabile che alla fine venga scelta qualche città industriale tedesca.

MOTORI Tesla: in arrivo un suv e un pick-up, l’autonomia sale a 640&nbs...