Suzuki S-Cross, con la trazione integrale c’è il turbo benzina

Suzuki presenta il nuovo S-Cross: in evidenza la 'tradizionale' trazione integrale e i nuovi motori

Trazione integrale, nuovo look, tanta tecnologia e inedito motore turbo benzina: sono questi i punti di forza con cui il nuovo Suzuki S-Cross irrompe nel ricco segmento di suv e crossover, che costituisce oggi il 25% del mercato italiano. Evoluzione della SX4 S-Cross, il nuovo S-Cross è già ordinabile nelle concessionarie della casa nipponica, dove il 24 e 25 settembre sarà possibile ammirarlo nel tradizionale appuntamento di ‘porte aperte’.

Lungo 4,3 metri e con un’altezza da terra di 15,80 cm, il nuovo S-cross è stato notevolmente ridisegnato, soprattutto sull’anteriore, dove spiccano l’ampia griglia con cofano a conchiglia con doppia nervatura, un nuovo paraurti, cerchi in lega da 17″ e inediti fari a led, ‘bissati’ anche sul posteriore. Dieci i colori disponibili per la carrozzeria, con quattro nuove opzioni metallizzate.

Rivisto anche l’abitacolo, con la superficie del cruscotto rivestita da strati di PVC e morbidi inserti soft-pad. Tra i dettagli, da sottolineare i sedili riscaldabili, le finiture tipo black, la retroilluminazione blu degli strumenti ed il sistema multimediale con display touch screen da 7″. Soddisfacente la capienza del bagagliaio, che arriva a 430 litri senza dover abbassare i sedili.

Come anticipato, sono però sopratutto la tradizionale vocazione alla trazione integrale e i nuovi motori i punti di forza del nuovo crossover della casa di Hamamatsu. Nello specifico, il sistema di trazione integrale Allgrip, disponibile su tutte le motorizzazioni tranne il 1.0, offre quattro modalità di guida (Auto, Sport, Snow e Lock) e come optional la possibilità di bloccare il differenziale sui terreni più insidiosi.

Decisamente interessante la gamma dei motori benzina: si tratta dei turbo ‘boosterjet’ a iniezione diretta, 1.0 da 112 Cv e 1.4 da 140 Cv (con consumi da 17,9 km/l), offerti solo con trazione anteriore per la cilindrata più bassa e anche con l’integrale per quella superiore. Il diesel è invece il 1.6 turbo da 120 CV multijet derivato Fca, in questo caso sia con trazione anteriore che 4×4. Disponibili sia il cambio manuale 5 marce (per la versione due ruote motrici) che quello a 6 marce per il 4wd mentre tutti i propulsori sono abbinabili con il cambio l’automatico.

Tre invece gli allestimenti: Easy (solo con il 1.0 benzina), Cool e Top. La ricca dotazione di serie prevede su tutte le versioni alzacristalli elettrici anteriori e posteriori, climatizzatore, cruise control, start & stop, sistema multimediale con radio CD + MP3 e USB, Bluethooth, volante multifunzione, sedili anteriori regolabili in altezza e posteriori ribaltabili 60:40, cerchi da 16”, luci diurne DRL, specchi retrovisori in tinta regolabili elettricamente, 7 airbag e sistema Hill Hold Control.

Per quanto riguarda i prezzi, si parte dai 18.990 euro del 1.0 Boosterjet benzina con allestimento Easy ma c’è da sottolineare l’offerta lancio, valida fino al 30 settembre, con il modello d’ingresso offerto a 15.190 euro. Si tratta di un’offerta decisamente intrigante e che rende ancor più competitivo il nuovo S-Cross nei confronti di un’agguerrita concorrenza che vede in campo ‘big’ come Jeep Renegade, Nissan Qashqai, Volkswagen Tiguan e Renault Kadjar. Anche perché con l’auto c’è una garanzia di 3 anni (o 100.000 km), comprensivi di controlli e assistenza stradale 24 ore su 24.

MOTORI Suzuki S-Cross, con la trazione integrale c’è il turbo ben...