Sicurezza stradale: lo smartphone ci salverà tutti. Ecco come

Strada rovinata? Incidente a pochi metri? Messaggi gratuiti sui telefoni di ultima generazione eviteranno altri guai, lo ha deciso l'Ue

La tecnologia c’è: perché usarla solo per il divertimento? La domanda se la sono posta (finalmente) anche i politici della Commissione europea dei trasporti, che ha appena emanato due regolamenti: obiettivo, sfruttare gli smartphone per far calare gli incidenti. In modo molto semplice: servono avvisi tempestivi e chiari agli automobilisti dotati di telefonino, in modo da metterlo in allerta se la strada è dissestata, se c’è un ingorgo, un tamponamento, un grave sinistro avvenuto da poco proprio sulla strada che sta percorrendo.

Il tutto, va da sé, gratuitamente. Perché il fine ultimo non è creare un business, ma salvare le vite sulle strade. L’intento è anche quello di far risparmiare fino al 30% del tempo della ricerca delle aree di sosta sicure per i mezzi: una misura pensata per evitare le soste pericolose sulle corsie di emergenza e aiutare gli autisti professionisti a rispettare le norme sugli orari di guida.

La Commissione europea garantirà il servizio informativo, anche via radio, su tutta la rete stradale transeuropea e transfrontaliera, mirando alla compatibilità tra questi servizi di informazione in tutta Europa. Le informazioni trasmesse sugli smartphone saranno le stesse di quelle dei pannelli a messaggio variabile sui quali si potranno visualizzare indicazioni sulle aree di sosta, il livello di sicurezza e i servizi offerti. In Europa, ogni giorno perdono la vita 75 persone sulle strade.

Grazie a queste preziose informazioni via smartphone, secondo alcune stime, si potrebbero diminuire fino al 7% le vittime e ridurre sensibilmente la gravità degli incidenti. L’applicazione di questi strumenti inoltre potrà ridurre i ritardi causati da incidenti stradali, le emissioni di CO2 e il costo di ripristino della sede stradale. Dopodiché, si dovrà anche spiegare il modo corretto per utilizzare gli smartphone: è ovvio (pure perché vietato dal Codice della strada) che gli automobilisti e i camionisti non potranno guidare con lo smartphone in mano, né tantomeno essere distratti dallo stesso apparecchio. Altrimenti, si torna al punto di partenza: anziché migliorare la sicurezza stradale, la si peggiora. Sarebbe il colmo.

(a cura di OmniAuto.it)

MOTORI Sicurezza stradale: lo smartphone ci salverà tutti. Ecco come