Seggiolini anti abbandono: multe dal 6 marzo per chi non si adegua

Il Governo ha disposto il rinvio delle sanzioni per mancanza di dispositivi anti abbandono all'interno dell'auto

Rinvio di quattro mesi per le sanzioni dei seggiolini anti abbandono. I dispositivi che avvisano i genitori nel caso dimentichino i loro bambini all’interno dell’auto sono diventati obbligatori lo scorso 7 novembre, ma si è trattato di un “lancio a ostacoli”. Adesso sembra che ci sia più chiarezza sul tema.

I seggiolini anti abbandono sono dunque obbligatori dal 7 novembre 2019, ma le sanzioni partono dal 6 marzo 2020. L’automobilista che viene trovato sprovvisto del seggiolino anti abbandono può incorrere in una multa da 81 euro a 361 euro con la decurtazione di 5 punti dalla patente di guida. Nel caso in cui l’infrazione fosse stata ripetuta nei due anni successivi, si rischia la sospensione della patente da 2 settimane a 2 mesi.

Cosa è successo da inizio novembre ad oggi? Nonostante dell’obbligo di seggiolini anti-abbandono se ne parlasse da mesi e mesi, i vari player di mercato non sono stati in grado di soddisfare per intero la richiesta di seggiolini e dispositivi anti abbandono. A questo, poi, si è aggiunta una mancanza di chiarezza del Decreto istitutivo sui requisiti tecnici, cosa che ha finito per complicare la ricerca del dispositivo più adatto alle varie situazioni Per farla breve, non tutti i genitori (e nonni) sono stati in grado di acquistare per tempo un seggiolino o altro strumento, rischiando così di incappare nelle sanzioni previste dal Codice della Strada.

Per evitare che decine di migliaia di incolpevoli automobilisti fossero multati, si è reso necessario l’intervento del Governo. Come ampiamente preannunciato, l’Esecutivo ha rinviato le sanzioni previste per l’assenza di seggiolini anti abbandono all’interno del veicolo. Come detto, la moratoria avrà una durata di quattro mesi circa e le sanzioni diverranno effettive dal prossimo 6 marzo. In questo lasso di temp, dunque, tutti i genitori con figli al di sotto dei 4 anni dovranno mettersi in regola, acquistando un seggiolino (o altro dispositivo conforme con il Decreto)

Allo stesso tempo, il Governo ha anche ritoccato il fondo a disposizione per l’acquisto di seggiolini anti abbandono. In precedenza, infatti, era previsto un fondo da 1 milione di euro, cifra sufficiente per l’acquisto di appena 33 mila dispositivi di sicurezza (il bonus seggiolini anti abbandono dovrebbe essere di 30 euro per ogni acquisto). Con gli emendamenti al Collegato fiscale 2020 approvato dalla Commissione Finanze della Camera dei Deputati, il fondo è stato quintuplicato: ci sono ora a disposizione 5 milioni di euro, che verranno erogati sotto forma di credito d’imposta a chiunque abbia acquistato (anche nei mesi precedenti) un dispositivo anti abbandono.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Seggiolini anti abbandono: multe dal 6 marzo per chi non si adegu...