Seat, sfida all’Alfa Romeo

Il marchio spagnolo è pronto a un rilancio d'immagine. Ecco la strategia dopo i tentativi d'acquisto falliti del Gruppo Volkswagen

Il Gruppo Volkswagen è pronto a dare battaglia ad Alfa Romeo. Lo farà attraverso il rilancio d’immagine previsto per Seat.

Herbert Diess, nuovo CEO del Gruppo Volkswagen, continua la generale riorganizzazione dei vari brand dell’azienda. Per ogni marchio è stata indicata una precisa area geografica, ma ciò non basta. Tutti dovranno avere ben chiara la propria ‘mission’, tenendo presenti i principali concorrenti.

Un caso particolare è rappresentato da Seat, che un’alternativa più che valida ce l’ha già in casa. Si tratta della Skoda, dalla quale il brand intende distaccarsi offrendo al pubblico una chiave maggiormente sportiva. Guardando all’esterno del Gruppo VW invece, il principale competitor è rappresentato da Alfa Romeo. Una competizione già annunciata dal lancio di Cupra, griffe ad elevate prestazioni, voluto da Luca de Meo, CEO del noto marchio spagnolo.

Il rapporto tra il Gruppo VW e Alfa Romeo è stato molto vicino all’acquisizione del marchio italiano da parte del colosso tedesco. L’ex presidente Ferdinand Piech aveva presentato svariate offerte d’acquisto, rifiutate prontamente dall’ex capo di FCA, Sergio Marchionne. Tale aperta competizione pare dunque riprendere la visione di Piech, che vedeva nell’Alfa il proprio principale antagonista sul mercato.

Impossibile acquisirla ma, dopo la rivitalizzazione del brand spagnolo, si ritiene essere giunto il momento di poter gareggiare ad armi pari. In merito si è espresso lo stesso Herbert Diess: “Seat ha la possibilità di conquistare l’attenzione dei più giovani. Questi potrebbero non ricordare la tradizione sportiva vantata da Alfa Romeo, ma apprezzano decisamente Giulia e Stelvio, ovvero i loro ultimi modelli”.

Il posizionamento di Seat, in qualità di marchio, è oggi molto giovane e sportivo, spiega Diess. Si lascia desiderare dalle nuove generazioni, con un impatto particolarmente emozionale. In Italia l’azienda continua a rappresentare un punto di riferimento. L’appeal non è rimasto intatto negli anni ma di certo è sopravvissuto, nonostante una gamma limitata nel nostro Paese.

Nei prossimi anni si prospetta dunque un rilancio dell’immagine di Seat in Italia. La compagnia proverà a cambiare volto, mostrandosi più dinamica e al passo con i tempi. L’idea non è quella di attrarre i vecchi compratori, bensì rivolgersi principalmente alla classe giovane, alla ricerca del primo veicolo non usato da acquistare. La sfida è solo agli inizi e Alfa è avvisata.

MOTORI Seat, sfida all’Alfa Romeo