Salone di Shanghai, i cinesi mostrano la loro grande crescita

Collaborazione con i grandi marchi mondiali e non solo: ecco come la Cina ha sviluppato il proprio settore automobilistico

Il Salone di Shanghai che ha aperto i battenti il 16 aprile, dimostra la grande crescita della Cina nel settore automobilistico.

La kermesse cinese chiama a raccolta i più grandi brand di tutto il mondo per mettere in mostra le ultime novità e i nuovi modelli. Oltre a questo, la manifestazione segna anche lo straordinario sviluppo del settore in Cina, dove la produzione di automobili ha raggiunto livelli mai visti prima di oggi.

Se un tempo molti consideravano le vetture cinesi come copie più o meno fedeli dei grandi modelli occidentali e giapponesi, adesso le cose sono cambiate radicalmente. Il mondo automobilistico ha fatto passi da gigante in Cina e può vantare prodotti locali all’avanguardia che non hanno nulla da invidiare alle produzioni di Nord America ed Europa. Ma cosa ha reso possibile questo sviluppo? Sono tanti i fattori che hanno portato alla crescita automobilistica della Cina.

Uno dei motivi principali dello sviluppo del settore auto cinese è la collaborazione delle aziende locali con tutti i più grandi marchi mondiali. La Cina ha studiato con i migliori, cercando di imparare, capire e poi tradurre il tutto con produzioni proprie. Una svolta significativa rispetto ai tempi in cui molte aziende si limitavano solo a “copiare” altri modelli. Le collaborazioni con i big delle quattro ruote sono state avviate anni fa e grazie a piattaforme di ingegneria comuni, permettono oggi alle Case cinesi di realizzare modelli destinati al mercato interno.

Un altro fattore che ha contribuito alla straordinaria crescita della Cina è stata la collaborazione delle aziende interne con i grandi centri di design e di ingegneria europei e statunitensi, così da favorire la nascita di modelli sempre più all’avanguardia. Passi in avanti concreti, favoriti, oltre dalla crescita qualitativa dell’industria automobilistica cinese, anche dall’acquisizione di alcuni brand importanti come Geely o Volvo. Questo processo ha agevolato sicuramente l’arrivo in Cina di contenuti tecnologici sia di base che più sviluppati.

La parola chiave della crescita del settore automobilistico cinese, dunque, è collaborazione. I grandi brand occidentali hanno accolto a braccia aperte la sete di conoscenza della Cina, sfruttandola anche come trampolino di lancio per un mercato vastissimo nel quale buttarsi a capofitto. Il Salone di Shanghai, dove convivono i modelli locali alle novità dei marchi storici come Maserati e Volkswagen (solo per citarne due) è l’esempio lampante del connubio tra Cina e occidente.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Salone di Shanghai, i cinesi mostrano la loro grande crescita