Salone Parigi 2018: FIAT, Alfa Romeo, Jeep… assenti

Continuano i forfait dei gruppi automobilistici ai saloni dell'auto: spicca l'assenza del gruppo FCA dall'evento parigino

Fino a qualche anno fa, i saloni organizzati in tutto il mondo erano tappe fondamentali per svelare le ultime idee e le nuove mosse delle case produttrici, ma il trend si è invertito in maniera clamorosa.

Le assenza riguardano tutti i più importanti saloni e gran parte delle case produttrici. L’ultimo annuncio riguarda la Volvo, che ha dato forfait per il salone di Ginevra 2019 e ha dichiarato tramite il vicepresidente Annwall di voler ricalibrare la strategia di comunicazione in base agli eventi e al lancio dei prodotti.

La tendenza si è ormai estesa a macchia d’olio a tutti i più importanti brand del settore. Basti pensare che il gruppo FCA non sarà tra i partecipanti del salone di Parigi 2018, per il quale la lista degli assenti comincia a farsi preoccupanti. Nella capitale francese mancheranno quindi Fiat, Alfa Romeo, Abarth e Jeep, per un’assenza importante giustificata da un comunicato: «Ad ogni salone si fanno considerazioni sotto il profilo del business, della comunicazione e degli investimenti necessari alla partecipazione, per valutare se la presenza rientri nella strategia della manifestazione».

Il fronte comune delle case produttrici di automobili richiama a gran voce l’attenzione sul mondo dei saloni, che devono evolversi per non trasformarsi in deserti di lusso. Se Parigi è l’esempio più recente, non può passare inosservato il caso del salone di Detroit, che dopo i fasti degli scorsi anni non vedrà tra i partecipanti Audi, Mercedes e BMW.

Il caso è quindi internazionale: le case automobilistiche, FCA compresa, valutano con maggiore attenzione i costi della partecipazione ad un salone che ormai garantisce pochi ritorni in termine di marketing e vendite, sfruttando invece i canali digitali per trasmettere informazioni agli appassionati e ai potenziali acquirenti. La concorrenza di eventi dedicati alle nuove tecnologie come il Consumer Electronic Show di Las Vegas e il Mobile World Congress di Barcellona – che progressivamente hanno spalancato le proprie porte anche al mondo dell’auto – hanno stravolto i piani degli organizzatori di tutto il mondo.

La strategia comune sembra ormai orientata verso una rivalutazione di saloni. La stessa FCA ha ultimamente preferito il Salone dell’Auto di Torino per presentare le ultime novità, ma non ha escluso eventuali ripensamenti sulle più importanti kermesse automobilistiche, che nel contempo dovranno evolversi per evitare di perdere ulteriore rilevanza.

MOTORI Salone Parigi 2018: FIAT, Alfa Romeo, Jeep… assenti