Al Salone di Monaco BMW mostra l’auto del futuro

L’obiettivo di BMW è creare veicoli per una nuova mobilità sostenibile, al Salone di Monaco dimostra misure e concetti concreti

Il BMW Group mette l’economia circolare e la mobilità urbana sostenibile al centro della sua presenza all’IAA Mobility 2021, il Salone di Monaco aperto al pubblico in questi giorni, dopo quasi due anni di stop agli eventi a causa del Covid-19.

L’azienda dimostra costantemente i suoi obiettivi di sostenibilità e CO2 e le misure e i concetti concreti per raggiungerli. BMW dimostra la grande volontà di combattere il cambiamento climatico, rafforza i suoi propositi autodefiniti, annunciati nell’estate dello scorso anno, per ridurre le emissioni di CO2 nella fase di utilizzo dei veicoli. Entro il 2030, le emissioni di CO2 per veicolo e chilometro percorso saranno almeno dimezzate rispetto ai livelli del 2019.

E con queste premesse la Casa presenta la nuova BMW i Vision Circular, che mostra un enorme potenziale. È vero che la mobilità rispettosa del clima non si crea automaticamente solo aumentando i veicoli elettrici su strada. È importante quindi ridurre anche l’uso di materie prime e lo sfruttamento dannoso per l’ambiente delle risorse e la loro lavorazione, spesso ad alta intensità di CO2; l’industria di produzione delle automobili è infatti una delle più ad alta intensità di risorse.

BMW ha l’obiettivo di aumentare la percentuale di materiali secondari nei suoi veicoli. Con BMW i Vision, la Casa sta dimostrando il design coerente di un’auto secondo i principi di un’economia circolare. L’obiettivo del design di questo veicolo visionario era creare un mezzo ottimizzato per cicli di materiali chiusi e in grado di raggiungere un tasso di materiali riciclati o riciclabili al 100% . Oltre alle materie prime a base biologica e certificate, vengono usati anche i cosiddetti materiali secondari. Concetto esteso anche al powertrain, che vanta una batteria allo stato solido riciclabile al 100%, di cui ancora non sappiamo i dati tecnici.

“Abbiamo incluso la circolarità nel nostro concetto fin dall’inizio durante la progettazione della BMW i Vision Circular. Ecco perché questo veicolo visionario è pieno di idee innovative che combinano la sostenibilità con un’estetica nuova e stimolante: chiamiamo questo approccio Circular Design”, spiega Adrian van Hooydonk, capo del BMW Group Design.

BMW i Vision Circular, l'auto del futuro

BMW presenta a Monaco i Vision CIrcular, l’auto per la mobilità del futuro

Oltre alla BMW i Vision Circular, il marchio ha deciso di presentare altri progetti innovativi che fanno parte del concetto di digitalizzazione e mobilità versatile e sostenibile. Abbiamo visto nelle scorse ore infatti la i Vision AMBY, prima pedelec ad alta velocità, una soluzione visionaria a due ruote per la mobilità urbana di domani. Dall’esterno assomiglia a una eBike, ma offre molte più possibilità. Non è tutto, c’è anche la nuova BMW Motorrad Vision AMBY, che vanta un approccio simile, combinando i vantaggi di una moto con quelli di una bicicletta. È un concetto di mobilità elettrica emozionale per una mobilità intelligente dentro e fuori la città, unita alla massima flessibilità.

BMW Motorrad è rappresentata con un altro concept all’IAA Mobility 2021, il BMW Motorrad Concept CE 02. Un veicolo che non possiamo definire né come una moto classica né come uno scooter, ma un’offerta di mobilità completamente nuova. È una due ruote elettrica facilmente accessibile dai 16 anni in su. Veicolo dall’aspetto fresco, facile da usare e emozionante. Il Gruppo BMW ha presentato anche la MINI Vision Urbanaut come concept spaziale per la mobilità del futuro, ne avevamo già parlato, una visione innovativa e completamente elettrica dello spazio per la mobilità del futuro.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Al Salone di Monaco BMW mostra l’auto del futuro