Renault Twizy: tra le rivali adesso c’è anche Nissan. Foto-confronto

La Casa Giapponese mostra interesse verso le citycar elettriche del futuro che puntano a maneggevolezza e funzionalità con la Land Glider Concept

In principio era Renault Twizy, oggi non più. La nuova frontiera delle auto di piccole dimensioni, ecologiche e funzionali adatte alla grandi metropoli è ufficialmente partita e anche Nissan e Toyota vogliono partecipare. I parcheggi sempre pieni, i varchi per entrare in centro ed il traffico in continuo aumento diventano terreno fertile per nuovi modelli che, più che al comfort e al lusso, puntano a costi di gestione bassi, grande libertà di movimento e vantaggi in termini di maneggevolezza e consumi.

L’ultima arrivata è Nissan Land Glider Concept, un veicolo con l’agilità di una moto e la protezione di un’auto. Insomma ciò che Renault Twizy è riuscita ad offrire solo in parte, ma che comunque ha raccolto i suoi frutti grazie a 9 mila unità vendute in tutta Europa.

La Land Glider Concept può piegarsi come una moto grazie all’inclinazione del corpo vettura attorno all’asse longitudinale, come avviene anche in alcuni scooter prodotti negli ultimi anni, ad esempio Peugeot Europolis o il più famoso Piaggio MP3. Il design esterno è molto orientato al futuro, con fari rigorosamente a led e linee che ricordano quelle delle piccole navicelle spaziali che si vedono nei film o cartoni animati.

A vedere dalle foto lo spazio per il guidatore è più che sufficente per non rimpiangere un’auto tradizionale, con pulsanti per i finestrini elettrici, un quadro ben visibile ed il volante a forma di cloche. Per il passeggero la situazione appare un pò meno confortevole, con spazio limitato e pochi angoli aperti per gustarsi il panorama.

Il futuro sembrerebbe andare in questa direzione e la conferma trapela dalle dichiarazioni del capo della strategia di prodotto e della pianificazione di Nissan, Etienne Henry, ad Automotive News Europe: “Questa concept è in grado di offrire la massima resa in termini di compattezza e utilizzo dello spazio, dispone inoltre di una tecnologia avanzata”.

Quest’auto non è del tutto nuova, essendo stata presentata per la prima volta nel 2008, ma le dichiarazioni di Etienne Enry evidenziano un particolare interesse della casa giapponese verso un prodotto dedicato alla mobilità urbana (specialmente delle grandi città) in grado di offrire alcuni vantaggi rispetto alle auto tradizionali.

La concorrente principale è sicuramente la Toyota i-Road, presentata al Salone di Ginevra 2013, che sfrutta lo stesso principio d’inclinazione della cellula disponendo però di 3 ruote. A primo impatto sembra più agile della Nissan Land Glider Concept, ma è probabile che questa peculiarità si traduca in problemi di stabilità maggiori quando si percorrono le strade a maggiore velocità.

Rimane però evidente l’interesse diffuso per veicoli che siano completamente orientati alle esigenze delle metropoli: meno lusso, meno ingombri, più tecnologia e funzionalità. E la battaglia tra i maggiori produttori sembra essere alle porte, vedendo anche le tendenze delle case a produrre motori più piccoli e prestazionali (downsizing) che sfruttano magari diverse tecnologie come l’ibrido (che dispone di motore elettrico per le basse velocità e a combustione quando si necessità di potenza) e/o la tecnologia elettrica, sempre più apprezzata anche dal pubblico.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI Renault Twizy: tra le rivali adesso c’è anche Nissan. Foto...