Renault Twin’Z Concept, la Citycar del futuro si fa così. Foto

Carrozzeria compatta da cittadina e poi interni open space a doppia portiera laterale contrapposta, con materiali e design ispirati alla natura. Il motore? Un propulsore elettrico da 68 Cv e autonomia per 160 km, ad inquinamento totalmente nullo.

Non è la nuova Twingo di terza generazione attesa per il 2014, ma lo sarà. La Renault Twin’Z Concept è l’incontro del mondo dell’automobile con quello dell’arredamento, un progetto realizzato in collaborazione fra il centro stile della Casa francese e il designer inglese Ross Lovegrove. Soprattutto, apre la strada ad un modo più intrigante di pensare alla vettura da guidare in città, un mezzo su cui passare del tempo in modo paicevole grazie ad un design e all’utilizzo di materiali ispirati direttamente alla natura.

La Renault Twin’Z Concept ha misure esterne di 3.627×1.705×1.506 mm, unite ad un passo di 2.495 mm, vicine a quelle dell’attuale Twingo. Le forme esterne sono esaltate dalle grandi ruote da 18” e si caratterizzano per una linea di cintura rialzata e per gli sbalzi di carrozzeria ridotti. Al di là dell’aspetto ludico e di design la Renault Twin’Z Concept sembra comunque anticipare alcuni temi stilistici che verranno proposti nelle prossime piccole francesi, in particolare la terza generazione della Twingo.
 Una caratteristica peculiare della Renault Twin’Z Concept è la doppia portiera laterale ad apertura contrapposta comandata elettricamente, soluzione che elimina il montante centrale e consente un facile accesso a bordo. Altro elemento unico della Twin’Z Concept è l’illuminazione totalmente a LED che parte dai fari e dal logo anteriore per risalire sui montanti, il padiglione e concludersi nelle luci di coda. Il retrovisore esterno è sostituito da una telecamera integrata nella carrozzeria.

Il propulsore della Renault Twin’Z Concept è un elettromotore sincrono da 50 kW (68 CV) e 266 Nm che permette al prototipo francese di raggiungere i 130 km/h e di percorrere fino a 160 km con una carica completa delle batterie. Queste sono costituite da quattro pacchi agli ioni di litio posizionati sotto al pianale. La trazione è diretta al posteriore e fa affidamento su pneumatici Michelin 205/40 R18, sostenuti da sospensioni pseudo MacPherson anteriori e un doppio triangolo posteriore. A conferma della natura prototipale della Renault Twin’Z Concept c’è la struttura “nascosta” della vettura, composta da un telaio tubolare su cui poggia la carrozzeria in fibra di carbonio.

(a cura di Omniauto.it)
 

MOTORI Renault Twin’Z Concept, la Citycar del futuro si fa così. ...