Rc auto: ecco come non farsi fregare dai truffatori. Foto-guida

Dieci dritte per non subire legnate fortissime, dovute a vere truffe di Compagnie fantasma

Tutti ne sentono parlare da 10 anni, l’autorità che vigila sulle Assicurazioni le denuncia puntualmente, però queste crescono in continuazione di numero: sono le Compagnie fantasma, arrivate ormai a superare le 100.

Sono Assicurazioni inventate di sana pianta, oppure che esistono ma non sono autorizzate a operare in Italia, o perfino che sono abilitate a rilasciare polizze però non nel ramo Rca. Sono polizze a prezzo bassissimo, che attirano anche grazie ai siti Internet creati di proposito per darsi un’aurea di legalità. E che oggi sono vendute anche per 5 giorni solo, così da essere enormemente più sotto costo di quelle annuali.

Occhio: per chi circola senza Rca, sono dolori. In caso di incidente causato, l’automobilista dovrà risarcire di tasca propria i danni: milioni di euro in caso di forti lesioni fisiche. A nulla vale la buona fede, ossia il fatto che le Rca siano state acquistate ritenendole legittime.

Per stare alla larga dalle Rca fasulle, verificate, prima della sottoscrizione dei contratti, che gli stessi siano emessi da imprese e tramite intermediari regolarmente autorizzati allo svolgimento dell’attività assicurativa e di intermediazione assicurativa, tramite la  consultazione sul sito http://www.ivass.it. Potete cercarla negli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse a operare in Italia; o nell’elenco degli avvisi relativi a “Casi di contraffazione o società non autorizzate”; o nei siti Internet non conformi alla disciplina sull’intermediazione del registro unico degli intermediari assicurativi e dell’elenco degli intermediari dell’Unione europea.
 
I consumatori possono chiedere chiarimenti e informazioni al contact center Ivass al numero verde 800 486661 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.30 oppure, negli altri orari, al n. 06421331. Attenti alle assonanze con altre Compagnie famose, davvero esistenti e autorizzate a rilasciare preventivi Rca. Massima cautela con le Rca temporanee: quelle di 5 giorni rappresentano il futuro delle frodi nel settore. Se sono restii a fornirvi documentazione adeguata (come l’iscrizione dell’albo degli intermediari), è lecito sentire puzza di bruciato.

Chiedetevi perché mai proprio quella Compagnia vi offra Rca così basse, visto che le altre Assicurazioni viaggiano a cifre molto più elevate: un ragionamento valido specie in zone ad alto tasso d’incidentalità come Napoli, Caserta e Foggia.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Rc auto: ecco come non farsi fregare dai truffatori. Foto-guida