Range Rover, il suv che sa leggere da solo i segnali stradali. Foto

Nuove motorizzazioni, allestimenti e optional per la gamma 2014, con Park Distance Control

La Ranger Rover e Range Rover Sport sono riuscite negli ultimi anni a coniugare il classico stile inglese con ottime doti di spotività e fuoristrada. Le nuove versioni, in vendita a partire da settembre e in consegna ad inizio 2014 regalano una ulteriore ventata di novità grazie ad ulteriori motorizzazioni e dotazioni tecnologiche. L’occasione per far bella mostra di se è il Salone di Francoforte (12-22 settembre 2013): la kermesse tedesca dove la casa del giaguaro ha inaugurato anche il “black Design Pack” e i sistemi di connettività “InControl”.

Sulla Range Rover Sport le novità che pulsa sotto al cofano motore è il 4.4 SDV8: un turbodiesel 8 cilindri capace di erogare 339 CV e 700 Nm di coppia. Traducendo questi valori in dati il suv inglese è ora in grado di accelerare da 0 a 100 chilometri orari in appena 6,9 secondi e raggiungere la velocità massima di 225 Km/h, condizione resa possibile anche grazie al cambio ZF a 8 rapporti. Per alcuni mercati questo modello sarà anche disponibile nella motorizzazione 3.0 SDV6, dove i cavalli sono 292 e i consumi sono leggermente inferiori del modello 3.000 cc.

Debuttano anche la versione Hybrid dellaRange Rover e Range Rover Sport che adottano lo stesso motore 3.0 SDV6 a cui si aggiunge una unità elettrica,  mediante il quale entrambe gli sport utility vagon sono in grado di produrre una potenza di 340 CV. I newtonmetri sono 700, lo scatto 0-100 Km/ è coperto in meno di 7” ma a stupire sono i consumi che nel ciclo combinato vengono dichiarati dalla casa nell’ordine dei 6,4 litri per 100 chilometri.

Per quanto riguarda la tecnologia entrambe i modelli offrono al pubblico nuovi optional tra cui sistemi di uscita automatica dai parcheggi paralleli, sistema di parcheggio perpendicolare automatico e il Park Distance Control che fornisce immagini a 360 gradi attorno alla vettura fino a alla velocità di 16 km/h. Non mancano i sistemi di ausilio alla guida come il il cruise control adattivo, il monitoraggio dell’angolo cieco posteriore e la telecamera di retromarcia per facilitare l’aggancio di rimorchi.

Alcuni modelli dispongono anche di telecamera di controllo anteriore che fa parte del sistema di Lane Departure Warning e di Traffic Sign Recognition che riconosce numerosi cartelli stradali, interpretandone il contenuto e segnalando al guidatore tramite display i limiti di velocità o ciò che viene indicato tramite indicatori visivi. Sempre come optional è disponibile il sistema Land Rover InControl che include la Remote Smartphone App per il controllo in remoto dello stato del veicolo, come anche l’InControl Secure che traccia la vettura in caso di furto e il WiFi che offre agli occupanti una rete wireless 3G per navigare su internet.

Per le versioni Range Rover Vogue, Vogue SE e Autobiography viene lanciato il Black Design Pack: una interpretazione del design esterno che prevede elementi con finitura in nero lucido come la griglia anteriore, specchietti retrovisori, maniglie, dettagli dei paraurti, sfoghi d’aria laterali, bulloni, finiture del portellone e i nuovi cerchi in lega da 21 o 22 pollici di diametro.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI Range Rover, il suv che sa leggere da solo i segnali stradali. Fo...