Radical Rapture, la nuova supercar estrema per uso stradale

Presentato il nuovo bolide della Casa britannica durante il Goodwood Festival 2019

La Radical ha svelato Rapture, la sua nuova auto da corsa omologata per l’uso stradale.

La presentazione, in anteprima, è avvenuta al Goodwood Festival of Speed del 2019. La nuova Radical Rapture segue la tradizione della Casa automobilistica inglese, puntando sulla leggerezza della vettura e sull’efficienza della sua aerodinamica. L’azienda di Peterborough ha sviluppato il nuovo space frame tenendo conto delle normative di sicurezza della Fia. Per le componenti aerodinamiche e la carrozzeria, sono stati utilizzati elementi in fibra di carbonio.

Il motore della Radical Rapture è un Ford 2.3 EcoBoost che la Radical Performance Engines ha rivisto, apportando delle sostanziali modifiche. I cambiamenti effettuati riguardano soprattutto l’elettronica, la sovralimentazione e l’aspirazione del motore. Grazie alle modifiche effettuate, il motore della Radical eroga 355 cavalli e 442 Nm di coppia. Il 2.3 EcoBoost è inoltre abbinato al cambio a sei marce con paddles al volante, a fronte di una massa totale che arriva a 765 kg. Le sospensioni della Rapture, bolide da corsa omologato per l’uso su strada, sono regolabili e derivano dalla SR3 SL e dalla RXC.

L’abitacolo della supercar offre dei sedili da competizione su misura, un volante multifunzione e un display Lcd che permette di gestire sia la strumentazione dell’auto che tutta la telemetria. I numeri sono da capogiro: secondo quanto dichiarato dalla Radical, il suo nuovo gioiello può raggiungere una velocità massima di 274 km/h, impiegando, da fermo, tre secondi per arrivare ai 96 km/h. Ciò che colpisce di più della vettura sono le straordinarie prestazioni in curva che la rende a tutti gli effetti un’auto da competizione con le targhe.

Radical Sportscar ha svelato in anteprima la nuova Rapture durante il Goodwood Festival of Speed. In virtù dell’omologazione inglese Individual Veichle Approval, la Rapture può circolare già sulle strade di tutta la Gran Bretagna e prossimamente anche su quelle del resto d’Europa. La Casa di Peterborough non intende però fermarsi qui e si è già messa al lavoro per rendere la vettura “targabile” anche negli altri principali mercati mondiali, Stati Uniti e Cina su tutti.

Al momento la Radical non ha ancora fornito alcuna indicazione su quale sarà il prezzo della Rapture, ma ha confermato che compreso nel prezzo, ci sarà anche un corso di guida personalizzato che permetterà ai clienti di conoscere tutti i segreti della guida su pista. Intanto, si sa già che le consegne dei primi esemplari sono previste a partire dal mese di agosto.

MOTORI Radical Rapture, la nuova supercar estrema per uso stradale