Porsche 911, l’icona sportiva che rinasce per 250 mila euro. Foto

Un'azienda di Los Angeles ha reinventato la 911 d'epoca, con forme antiche e tecnologie moderne

La Porsche più Porsche di tutte rimane sempre lei: l’intramontabile 911.

Attualmente stanno debuttando, una dopo l’altra, tutte le versioni della nuova serie; tuttavia c’è chi guarda sempre con attenzione alla 911 d’epoca.

Alcuni per un restauro storico, con un’attenzione maniacale all’originalità di ogni singolo dettaglio.

Altri, invece, per inventare qualcosa di nuovo, prendendo come base il modello d’epoca.

E’ il caso dell’azienda californiana Singer Vehicle Design, specialista nel restauro e nell’elaborazione di Porsche, che ha realizzato una 911 sul design di un modello degli anni ’70, ma su un telaio della generazione degli anni ’90 opportunamente rivisto.

Una supercar a cominciare dal prezzo: l’elaborazione parte da oltre 250.000 euro, al cambio attuale del dollaro, che salgono in modo esponenziale a seconda delle modifiche adottate.

La prima cosa che salta all’occhio di questa Porsche 911 Reimagined by Singer è il colore Racing Blue, con i cerchi arancioni, che ricorda la livrea di celebri Porsche impegnate nelle competizioni sportive.

Le ruote hanno una forma simile a quella delle 911 d’epoca, ma sono in realtà realizzati in carbonio, mentre le sospensioni regolabili garantiscono una tenuta a prova di circuito.

Anche perché il motore 6 cilindri da 3,8 litri eroga ben 360 CV, con una coppia di circa 380 Nm, e un peso intorno ai 1.200 kg: questo significa un passaggio da 0 a 100 km/h in poco più di 4 secondi, un dato veramente da supercar.

Alla cura della carrozzeria e alla meccanica raffinata, si affianca un interno che come dice lo slogan stesso, è stato "reimmaginato" da Singer.

Il volante a tre razze forate fa sentire ogni piccolo dettaglio della strada, mentre la leva del cambio o la strumentazione ricordano quelle degli anni ’70.

La pelle pregiata, in un marrone vicino all’arancio, riprende i colori esterni, lasciando suggestivamente alla vista buona parte della "lamiera" blu, come nelle vere sportive d’epoca, quando si eliminava tutto ciò che non era assolutamente indispensabile, per ridurre il peso.

(a cura di OmniAuto.it)
 

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Porsche 911, l’icona sportiva che rinasce per 250 mila euro. Fot...