Peugeot 308 GTI, la prova su strada

Prova su strada firmata MotorLife per la compatta sportiva del Leone. Con qualche sorpresa

Una compatta per tutte le ‘occasioni’: parliamo della Peugeot 308 GTI, la berlina francese del Leone che, nella sua versione più sportiva da 272 cavalli, è finita nelle mani di MotorLife per una prova su strada decisamente interessante. Ecco come è andata.

Innanzitutto ricordiamo che della 308 GTI avevamo già parlato, quindi per giudizi specificatamente estetici e informazioni puramente tecniche, vi rimandiamo alla relativa scheda. Qui, invece, ci concentriamo proprio sulle sensazioni di guida e sulle impressioni ricavate al volante nell’utilizzo ‘urbano’ e non. Sì, perché la Peugeot 308 GTI ha svelato una sorta di doppia anima e duttilità forse inattesa, rivelandosi una macchina comoda sia per la vita di tutti i giorni che per i più grintosi giri fuoriporta.

Certo, già guardandola da fuori il look è sportivo: la nostra versione è in un immacolato, quasi innocente bianco madreperla ma alcuni particolari, come i cerchi da 19″ e i dischi dei freni anteriori con pinze verniciate di rosso e firmate Peugeot Sport, lasciano intuire che sotto c’è ben altro. Saliti in macchina si notano i particolari in cuciture rosse che danno un ancor più accentuato look sportivo e, soprattutto, si nota l’i-cockpit con volante sportivo, più piccolo di quello tradizionale. La sua comodità è subito evidente, specie perché abbinata ad uno sterzo preciso che si apprezza sia in città che fuori porta.

Partiamo dall’utilizzo urbano, dove la Peugeot 308 GTI quasi si ‘trasforma’ in una compatta standard. Non è troppo rigida nonostante l’assetto sia sportivo, gli sbalzi da asfalto imperfetto per i classici lastroni non si avvertono troppo e frizione e cambio (manuale nel nostro caso) funzionano a dovere anche nel traffico cittadino. Più che altro, bisogna stare attenti al fatto che – da brava sportiva – da terra è meno alta delle altre berline e quindi le salite sui marciapiedi o le disattenzioni davanti a buche un po’ profonde non sono proprio consigliate.

Il divertimento vero, ovviamente, arriva però quando si può dare più sfogo alla potenza del motore e si affrontano strade extraurbane, meglio se con qualche curva non troppo stretta. La 308 GTI è ‘solo’ un 1.6 ma i quattro cilindri turbo a iniezione diretta e i 270 cavalli si sentono appena si schiaccia sull’acceleratore, soprattutto se si adotta la modalità di guida Sport, che ricalibra lo sterzo e rende più pronta proprio l’accelerazione. Insomma, se si considera anche l’eccellente lavoro del differenziale autobloccante TorSen, il piacere alla guida è notevole e la tentazione di ripetere le gesta rallistiche di Marcus Grönholm, tanto per restare alla storia del Leone, è davvero dietro l’angolo.

Il giudizio finale? Indubbiamente la Peugeot 308 GTI resta un’auto sportiva con un certo target di mercato e lo si nota anche dal prezzo (35.150 euro) e dai consumi che, seppure non alti nemmeno in città – dove varia tra gli 8 e i 9 litri per cento chilometri – non sono quelli di un’utilitaria. Dall’altra parte, per chi ama le auto sportive, la compatta del Leone rappresenta una scelta credibile pure nella vita di tutti i giorni, grazie ad un’elevata facilità di guida e alla buona disponibilità di spazio, non solo nel bagagliaio. Insomma, potete comodamente far rombare il motore anche verso il centro commerciale più vicino.

MOTORI Peugeot 308 GTI, la prova su strada