Pagani: curiosità e storia della casa automobilistica

Curiosità e informazioni sul marchio italiano entrato nella storia per le sue vetture Gran Turismo

Horacio Pagani nasce in un piccolo paese dell’Argentina e a 20 anni esatti è già un pilota di Formula 3. Arrivato in Italia nel 1982, inizia a lavorare con il team della Lamborghini Diablo, per poi creare la famosa casa automobilistica Pagani, presto destinata ad entrare nella storia. La Pagani viene alla luce con il progetto C8, il quale porterà la famosa Zonda nei mercati automobilistici. Il nome deriva da un vento secco e polveroso, molto diffuso nelle ande dell’Argentina.

La Pagani nasce ufficialmente nel 1992, mentre la Zonda viene terminata nel 1998: un’auto sportiva ed estrema, costruita a mano, con scocca e telaio in fibra di carbonio. La Zonda viene introdotta al Salone di Ginevra nel 1999, ed è un omaggio a Fangio, il famoso pilota argentino scomparso nel 1995. La vettura viene equipaggiata con un motore da 5987 cm³, mentre nel 2000 viene prodotta la versione S, con un motore da 7010 cm³. Successivamente viene messa in commercio la Zonda F, sempre in onore al pilota argentino Fangio.

La casa automobilistica di Horacio continua ad espandersi, e nel 2011 presenta la Huarya , una Gran Turismo estrema, con un impressionante motore da 730 CV, che le consente di raggiungere 374 km/h, con un’ accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di tre secondi. Ma la Pagani non si ferma qui e nel 2013 presenta la Zonda Revolucion . 800 CV di potenza e un’accelerazione da 0 a 100 in 2,6 secondi, rendono quest’automobile una delle supercar più potenti al mondo, venduta all’esorbitante prezzo di 2,2 milioni di euro.

La Pagani Zonda raggiunge tranquillamente i livelli della Ferrari Enzo, consacrandosi tra le Gran Turismo più famose e ambite al mondo. Disponibile in diverse varianti ( sia a tetto chiuso che roadster ), costa più di mezzo milione di euro, e la produzione media è di 20 automobili l’anno.

Tutte le Pagani vengono prodotte nello stabilimento di San Cesario sul Panaro , dove una cinquantina di persone lavorano sulla qualità dei mezzi. Le fasi di produzione della Pagani sono tre: nella prima i componenti vengono creati da uno stampo di resina e cotti in autoclave per circa tre ore. Nella seconda fase vengono definiti i particolari aggiungendo le viti in titanio, per poi passare al preassemblaggio della vettura in una cala completamente artigianale. La terza fase è quella dell’assemblaggio: in circa tre settimane l’auto è completa, e si effettua un collaudo di 100 km per testare freni, frizione e bullonerie, per poi concludere con un collaudo finale prima della vendita.

Guarda tutte le schede auto, la storia e le curiosità di tutte le altre case automobilistiche consultando questo elenco alfabetico:

AbarthAlfa Romeo, Alpine, Aston Martin, Audi, Bentley, BMW, Cadillac, Chevrolet, Chrysler, Citroën, Dacia, Daihatsu, Dodge, DR, DS, Ferrari, Fiat, Fisker, Ford, Gonow, Great Wall, Honda, Hummer, Hyundai, Infiniti, Isuzu, Jaguar, Jeep, Kia, Lada, Lamborghini, Lancia, Land Rover, Landwind, Lexus, Lotus, Mahindra, Martin Motors, Maserati, Maybach, MazdaMcLaren, Mercedes, MG, Mini, Mitsubishi, Morgan, Nissan, OpelPeugeot, Porsche, Qoros, Renault, Rolls-Royce, Seat, Skoda, Smart, Ssangyong, Subaru, Suzuki, Tata, Tesla, Toyota, Volkswagen, Volvo.

Immagini: Depositphotos

MOTORI Pagani: curiosità e storia della casa automobilistica