Nissan Qashqai sul mercato con due nuovi motori: debutta l’E-power

Il produttore giapponese introduce anche in Europa il sistema di trazione ibrido senza necessità di ricarica

Non solo Leaf. Nissan continua a espandere la propria linea di modelli a trazione elettrica, presentando anche sul mercato europeo il Qashqai ibrido. Il produttore nipponico fa infatti esordire nel Vecchio Continente il sistema di propulsione “E-power”, che migliora l’efficienza di marcia del suo SUV compatto senza incidere sulle prestazioni. Le novità non finiscono qui: il nuovo Qashqai arriva infatti anche con una seconda motorizzazione ibrida in versione “light”.

Il nuovo Nissan Qashqai può infatti essere acquistato con un motore turbo benzina 1.3 DiG-T, introdotto su Qashqai nel 2018 e omologato in base agli standard Euro-6D, abbinato a un sistema mild-hybrid che recupera l’energia in fase di decelerazione (frenata rigenerativa) per ricaricare una batteria agli ioni di litio da 12 Volt. L’energia così accumulata viene usata per ottimizzare l’erogazione della coppia, così da ridurre la “pressione” sul motore termico e ottimizzare i consumi.

In particolare, il sistema mild-hybrid messo a punto dagli ingegneri giapponesi entra in funzione in fase di accelerazione (tra i 20 e i 110 chilometri orari), generando una coppia addizionale di 6 Nm per un massimo di 20 secondi. Questo permette di ridurre l’impiego del motore termico, a tutto vantaggio di consumi di carburante ed emissioni di gas nocivi.

Il nuovo Nissan Qashqai con livrea camouflage

Il nuovo Nissan Qashqai con livrea camouflage

La novità più interessante, però, riguarda il debutto in Europa (e, dunque, anche in Italia) del sistema E-power, una tecnologia esclusiva Nissan, componente fondamentale della Nissan Intelligent Mobility. Già adottato in Giappone sui modelli Nissan Note e Serena, l’E-power è un sistema di trazione ibrido davvero particolare, che elimina la necessità di dover collegare l’auto a una presa di corrente (o a un wall box) per ricaricare la batteria del motore termico. La ricarica, infatti, è assicurata dal generatore interno all’auto, alimentato dal motore termico a benzina.

L’E-power che Nissan ha portato in Europa è composto da un motore benzina a compressione variabile da 157 cavalli di potenza, collegato a un generatore e a un inverter. L’energia prodotta dal propulsore termico non viene utilizzato per far girare le ruote, ma per ricarica la batteria da 140 kW che alimenta poi il motore elettrico. In questo modo, il motore termico lavora sempre all’interno del suo range ottimale, massimizzando l’efficienza dei consumi e riducendo le emissioni di CO2. L’E-power funziona così a regimi di giri molto inferiori rispetto a quelli di un motore ibrido tradizionale, raggiungendo livelli di “silenziosità” paragonabili a quelli di un’auto full electric.

Inoltre, il nuovo Nissan Qashqai E-power integra anche il sistema e-Pedal, che permette di gestire l’auto con il solo pedale dell’acceleratore. Questo permette di sfruttare una frenata rigenerativa più “aggressiva”, consentendo così di recuperare una maggior quantità di energia che andrà poi a ricaricare la batteria.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Nissan Qashqai sul mercato con due nuovi motori: debutta l’E-pow...