Pirelli presenta i nuovi pneumatici interattivi Cyber Car

Pirelli e la rivoluzione digitale: lo pneumatico in grado di raccogliere e inviare dati, presentato al Salone di Ginevra.

Pirelli ha reso lo pneumatico super tecnologico, capace di raccogliere e inviare informazioni, un mega passo avanti verso l’innovazione. La tecnologia Cyber Car sarà presentata al Salone di Ginevra proprio in questi giorni.

Lo pneumatico è realizzato in modo che interagisca con l’elettronica di bordo, soprattutto con i sistemi di assistenza alla guida, inviando informazioni per garantire una marcia più sicura e prestazionale. Entro la fine dell’anno il nuovo Pirelli Cyber Car sarà sul mercato, sulle auto più innovative delle maggiori Case.

Lo pneumatico Cyber Car è l’ultima applicazione connessa alla piattaforma Cyber Technologies Pirelli che dal 2002 punta alla massima integrazione tra lo pneumatico, l’auto e il conducente. La sensorizzazione delle gomme è parte integrante della strategia, per sviluppare prodotti in grado di soddisfare le esigenze di personalizzazione degli automobilisti e di specializzazione delle case auto.

Partendo dalla concezione che lo pneumatico è l’unico punto di contatto con l’asfalto, può raccogliere la più grande quantità di informazioni importanti per una maggior sicurezza, efficienza e performance in termini di ecosostenibilità e risparmio. Tecnicamente, tutti i sistemi Cyber di Pirelli hanno un sensore nella gomma, collegabile al cloud, che misura lo stato operativo dei pneumatici e trasmette i dati ad una centralina elettronica. Da qui vengono comunicate ad un’app o all’intelligenza di bordo, a seconda delle tecnologie applicate sul sistema.

Cyber Car è un nuovo sistema di pneumatico smart, progettato lavorando a stretto contatto con i costruttori automobilistici. Ad oggi il primo sistema di raccolta dati fatta dallo pneumatico e trasmessa all’auto, ad eccezione della rilevazione di pressione fatta dai sistemi TPMS. Possiamo parlare di digitalizzazione dell’auto, intelligenza applicata inedita, che integra i preesistenti sistemi di assistenza.

I parametri che Cyber Car può fornire al veicolo sono: pressione, temperatura interna e profondità del battistrada. L’auto può intervenire a seconda delle informazioni che riceve, adeguando i sistemi ABS e controllo di stabilità. Anche il carico verticale è un altro importante valore rilevato per le auto elettriche: conoscendo il peso della configurazione del veicolo, il sistema di gestione calcola quanti km di autonomia restano prima di dover ricaricare. Non dimentichiamo che possono essere comunicate al conducente le informazioni relative allo stato di usura delle gomme, in modo da consentire immediatezza nella manutenzione, nel caso in cui fosse necessaria; consente di calcolare inoltre l’eventuale necessità di rotazione dei pneumatici tra gli assi.

Ci sono già alcuni costruttori in fase di sviluppo nell’integrazione della Cyber Car con i sistemi di bordo e entro la fine dell’anno usciranno i primi modelli sul mercato.

La prossima evoluzione è il sistema Cyber Tyre: la gomma del futuro sarà basata su una piattaforma tecnica con la capacità di raccogliere ancora più informazioni, trasmettendole ad ogni giro ruota all’elettronica di bordo; una prima applicazione è già operativa sulla Ferrari FXX K, la supersportiva da oltre 1.000 CV utilizzabile solo in pista.

pirelli cyber car

 

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Pirelli presenta i nuovi pneumatici interattivi Cyber Car