Nuova Volkswagen Golf Variant, consuma meno ed è più spaziosa. Foto

Anche la settima generazione della best-seller tedesca si propone nella pratica versione station wagon, a partire da 19.500 euro

La settima generazione della Volskswagen Golf, che continua ad essere la più venduta in Europa, arricchisce la propria gamma con la versione station wagon, che tradizionalmente viene chiamata Golf Variant. Un modello che, rispetto alla berlina, ha una storia più recente e forse anche un po’ meno "appeal", ma che aggiunge  versatilità di carico alle doti del modello da cui deriva.

Basata sulla stessa piattaforma delle altre Golf (un sistema modernissimo chiamato MQB che consente di condividere molte parti tra numerose auto dei vari marchi del gruppo Volskwagen) la Golf Variant è innanzi tutto più lunga di 31 cm rispetto alla Golf a cinque porte. Questo significa 100 litri di bagagliaio in più, per un totale di 605 di base, che aumentano fino a 1.620 litri ribaltando il sedile posteriore.

E’ proprio il vano di carico il punto di forza della Golf Variant, con alcune raffinatezze: la possibilità di nascondere sotto il pavimento il tendalino e la rete divisoria, per non avere alcun oggetto a fare da ostacolo per i carichi, e la possibilità di abbattere i sedili con una comoda leva nel bagagliaio. Sul design esterno c’è solo da segnalare la ripresa delle forme della Golf berlina, con una coda che ricorda un po’ quella della sorella maggiore, la Passat; quanto agli interni, non si trovano differenze sostanziali rispetto alle altre Golf.

Anche le novità nella gamma motori sono più che altro legate al cambio di generazione di Golf: le nuove motorizzazioni sono complessivamente più efficienti, con 3 versioni a benzina e 4 diesel, da 90 a 150 CV, e la presenza del recente 1.4 TGI a metano. Il miglior rendimento in termini di consumi e dei 1.6 TDI a gasolio, che dichiarano 3,9 l/100 km di media con il cambio manuale; tra gli accessori, anche il veloce e confortevole cambio automatico a doppia frizione DSG.

Altre novità meccaniche nella storia della Variant sono il differenziale a bloccaggio elettronico trasversale per una migliore tenuta di strada, o la regolazione adattiva dell’assetto che consente di passare da una guida più confortevole a una più sportiva. Tre gli allestimenti previsti, nell’ordine Trendline, Comfortline e Highline, con un’offerta simile a quella della Golf berlina; quanto al prezzo, la nuova Golf Variant parte da 19.500 euro della versione 1.2 TSI a benzina da 105 CV e con allestimento Trendline.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Nuova Volkswagen Golf Variant, consuma meno ed è più spaziosa. Foto