Nuova Volkswagen Golf GTI: la prova di un mito. Foto

A quasi 40 anni dalla nascita, la tedesca sportiva e compatta conferma su strada le qualità tecniche e costruttive che l'hanno resa celebre in tutto il mondo

Parlare di perfezione per un’automobile può risultare eccessivo, ma dopo aver provato in anteprima la nuova Volkswagen Golf GTI la suddetta parola assume contorni diversi. Intendiamoci, la nuova GTI non è priva di difetti: il fatto è che i pochi appunti che le si possono muovere riguardano ormai solo lo stile così classico da sembrare immutabile e il prezzo elevato che può superare di slancio i 30.100 euro di base del listino. Quel che appare evidente guidando la nuova Golf GTI, basata sulla settima generazione della compatta tedesca, è che i quasi 40 anni di esperienza nel settore sono serviti a creare una godibilissima sportiva (3 o 5 porte) con spazio abbondante per accogliere una famiglia e un dinamismo di alto livello garantito dai 220 CV del suo motore 2.0 TSI.

Le strade della Provenza hanno fatto da palcoscenico a questo primo test di circa 270 km, effettuato soprattutto con l’inedita versione Performance da 230 CV. La Volkswagen Golf GTI Performance DSG che abbiamo provato arriverà sul mercato italiano entro la fine del 2013 (ad un prezzo di circa 33.000 euro), ma già ora è possibile acquistare quella con cambio manuale che costa 31.150 euro. I cerchi Austin a 5 razze hanno un diametro di 18 pollici e mettono in risalto l’elegante grinta della tedesca, che rispetto alle altre Golf ha anche le pinze freno rosse, i logo GTI e una sottile striscia rossa che percorre l’intero frontale, dalla calandra a nido d’ape fino ai fari. Pochi tocchi per far capire che lei è la Golf GTI, un classico dell’automobilismo europeo che non ha bisogno di gridare al mondo la sua doppia anima sportiva e turistica. L’operazione è ovviamente riuscita e solo gli irriducibili dell’alettone o i maniaci del tuning possono ritenersi insoddisfatti. Tutti gli altri possono trovare nella nuova Golf GTI solo certezze e conferme, dalla qualità degli assemblaggi alla cura con cui sono realizzati gli interni, con l’immancabile stoffa quadrettata, le  cuciture rosse a contrasto.

Sulla nostra GTI la finitura nera del padiglione completa bene l’insieme e le dona grinta; peccato per il volante, ben fatto ma di diametro forse un po’ eccessivo. Il resto dell’abitacolo rispecchia la funzionale precisione delle altre Golf, spazioso e abitabile sia in altezza che in larghezza. Il giudizio estetico-qualitativo resta quindi eccellente, senza voli di fantasia, ma con ogni cosa ben progettata e al posto giusto. Il tortuoso percorso sulle strade delle Alpi Marittime mette in evidenza per la Golf GTI Performance DSG un comportamento stradale molto appagante, fatto di potenti accelerazioni, tenuta di strada impeccabile e un assetto granitico che sembra rendere possibile ogni manovra, anche la più veloce. Curiosa è poi la sensazione di sicurezza e agilità che si prova guidando la GTI fra i tornanti e le tante curve del Col de Vence, opposta alla percezione di peso e un ingombri non trascurabili. In realtà la massa di questa 5 porte, lunga 4,26 metri e larga 2,02 metri, è pari a 1.402 kg, ma tutto contribuisce a farci sentire a bordo di una vettura di categoria superiore, dal comfort di viaggio alla dinamica dell’assetto.

Il merito di una guida così fluida e divertente la nuova GTI lo deve anche allo sterzo progressivo che riduce i giri del volante nelle curve più secche e lascia un discreto feedback in quelle più veloci e in rettilineo. Non meno importante è il differenziale elettronico XDS+ e l’inedito bloccaggio del differenziale sulla trazione anteriore, dispositivi che assieme al "torque vectoring" risultano tanto efficaci quanto poco invasivi. Un altro dato da non sottovalutare è che, a differenza della storica prima GTI "dura e pura" del 1976, con la nuova Golf GTI ci si mette in garage una vettura polivalente per gli spostamenti quotidiani, i viaggi più lunghi e il puro piacere di guida. Se poi si aggiunge la regolazione adattiva dell’assetto (DCC, 1.013 euro) si hanno a disposizione tre auto in una, grazie ai settaggi di guida Sport, Normal e Comfort.

(a cura di OmniAuto.it)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Nuova Volkswagen Golf GTI: la prova di un mito. Foto