Nuova Skoda Rapid Spaceback, compatta e sportiveggiante. Foto

Dalla Repubblica Ceca, una station wagon pensata per i giovani, con tecnologia Volkswagen e bassi consumi

Una volta, o per lo meno dal dopoguerra, la Skoda era sinonimo di vetture spartane dell’Europa dell’est, nell’allora Cecoslovacchia, note per la robustezza ma anche per una certa semplicità generale, che non mancavano di avere qualche estimatore anche da noi.

Poi è arrivata Volkswagen, e da qui il cambio di rotta: la condivisione di piattaforme con quelle più avanzate della Germania, la ridefinizione completa del design, l’immagine di auto semplici, efficienti, pratiche ed economiche, ma anche con qualche concessione in più guardando al passato "nobile" del marchio.

Skoda è ora un marchio maturo, che ha una sua immagine precisa a livello europeo, e che sta ampliando sempre di più la gamma, esplorando nuove nicchie attraverso modelli che prima non c’erano.

Un esempio? La nuova Skoda Rapid Spaceback, pronta a debuttare al Salone di Francoforte (12-22 settembre) per arrivare sul mercato a partire da ottobre. Si tratta della versione station wagon della Rapid, una berlina classica dalle dimensioni compatte, non molto diffusa da noi, ma più richiesta in altri paesi europei.

Pensando ai mercati che apprezzano di più le carrozzeria sportiveggianti e pratiche con il portellone, ma anche strizzando l’occhio ai giovani, arriva ora la versione Spaceback, che fa di tutto per non sembrare una station wagon da carico: basti osservare la linea del portellone, che si curva come in una coupé, o anche la misura della lunghezza, addirittura inferiore di 18 centimetri rispetto alla berlina.

E poi l’estetica strizza l’occhio ai giovani anche per altri aspetti: la possibilità, ad esempio, di avere l’intera parte superiore in vetro, dal parabrezza al tetto panoramico, fino ad un lunotto più lungo del normale di 10 cm, con l’unica interruzione che consiste in uno spoiler nero sopra il portellone.

Tetto nero e carrozzeria rossa, una delle ultime tinte superstiti pastello, possono fornire un bel colpo d’occhio sportivo. Anche se la praticità non manca: il passo è di 2.602 mm, e grazie alla nuova coda dietro si sta più comodi e si entra meglio che nella berlina; il bagagliaio poi parte da 415 litri, e arriva a 1.380 litri, con la possibilità di richiedere un ripiano doppio.

E pensando ai giovani anche per i consumi: tra i motori c’è anche il 1.6 TDI GreenLine con Start&Stop, che consuma mediamente 3,8 l di gasolio per 100 km, e ha bassi valori di emissioni di CO2, 99 g/km, meno di un’utilitaria per la città.

(a cura di OmniAuto.it)

Fonte: Ufficio Stampa

MOTORI Nuova Skoda Rapid Spaceback, compatta e sportiveggiante. Foto